Edoardo Raspelli, baciato dal successo pure in replica

Share

(di Tiziano Rapanà) Edoardo Raspelli vince sempre. Il re della critica enogastronomica, classe 1948, si conferma il beniamino del pubblico televisivo. Il critico è tornato, con l’estate, alla conduzione di Melaverde, il popolare programma di Canale 5. È, purtroppo, un ciclo di repliche: un “meglio di”. Eppure alla gente piace. Gli ascolti sono alti. Le due puntate di Melaverde, andate in onda ieri (alle 11,20 e 11,50), hanno portato a casa rispettivamente il 9,95 e il 15,44% di share. Numeri clamorosi. Cifre del genere di solito te le aspetti a novembre, con la nuova stagione televisiva in corso e con il freddo che inibisce la voglia di fare qualcosa. A luglio no. Il telespettatore esce, va in giro, fa le vacanze al mare o in montagna. A quell’ora lì, poi, figuriamoci se la gente resta in casa, per giunta di domenica. Eppure, nonostante le tante insidie dettate dalla bella stagione e dall’effetto replica, Raspelli porta a casa un risultato eccellente e che dovrebbe far riflettere. Ricordate? Raspelli lasciò il programma, dopo vent’anni, e non per sua volontà. L’addio alla trasmissione fu avversato dai telespettatori che avrebbero voluto “il cronista della gastronomia”, timoniere di Melaverde a vita. I risultati di ieri, e delle scorse puntate, dimostrano nuovamente la solidità dell’affetto del pubblico. Anch’io ho visto le due puntate di ieri e mi sono piaciute. Tra l’altro sono – e spero non vi annoi questa piccola confessione – un fedele lettore di Raspelli Magazine, la rivista online del giornalista. Esiste da un anno ed è gratuita. Qui potete scoprire i migliori alberghi e ristoranti del Paese. E se siete sensibili alla cultura vegana, potete provare le interessanti ricette di Maura Anastasia. Anche la rivista sta attraversando l’autostrada del successo, con consensi ovunque. Per Raspelli è un bel periodo fatto di tante soddisfazioni. La cosa non mi stupisce: chi semina raccoglie.

tiziano.rp@gmail.com

Share
Share