Enrico Magni e Daniele Misani nominati rispettivamente Presidente e CEO di TXT e-solutions

Share
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è enrico-magni.jpg

Tenutasi ieri, la prima riunione del Cda di TXT e-solutions, nominato il 18 giugno 2020 dall’Assemblea. Il Consiglio appena insediatosi ha designato Enrico Magni quale Presidente del Consiglio di Amministrazione e Daniele Misani quale Amministratore Delegato, sentito il parere favorevole del Comitato per la Remunerazione e le Nomine e del Collegio Sindacale.

Il Consiglio ha demandato al Presidente l’incarico di curare, in coordinamento con l’Amministratore Delegato per quanto di competenza di quest’ultimo, le relazioni istituzionali e le relazioni esterne correlate, oltre alla catalizzazione delle operazioni extra di crescita internazionale. All’Amministratore Delegato sono stati assegnati estesi poteri per la coordinazione ordinaria e per la preparazione di proposte per operazioni aggiuntive di TXT e-solutions.

Il Presidente Enrico Magni, ci ha tenuto a precisare: “il nuovo Consiglio e la nomina del nuovo Amministratore Delegato rappresentano un ulteriore passo di rafforzamento del piano di crescita strategico del Gruppo TXT. Come azionista di riferimento, sono onorato della nuova carica di Presidente conferitami dal Consiglio appena insediatosi, e come sempre fatto nella mia carriera da imprenditore, farò il massimo per dare soddisfazione ai nostri azionisti e ai nostri clienti.”

Il Consiglio ha inoltre valutato la sussistenza dei requisiti di indipendenza previsti dall’art. 148 TUF e dell’art. 3 del Codice di Autodisciplina in capo ai consiglieri non esecutivi Valentina Cogliati, Stefania Saviolo, Fabienne Anne Dejean Schwalbe e Paola Generali.

Successivamente alle verifiche effettuate dal Collegio Sindacale, il Consiglio di Amministrazione ha preso atto che sussistono in capo a tutti componenti effettivi del Collegio Sindacale, Mario Basilico – Presidente, Luisa Cameretti, Franco Vergani, i requisiti di indipendenza previsti dall’art. 148 TUF e dell’art. 3 del Codice di Autodisciplina.

Share
Share