Fase 3: Coop, dopo la spesa bunker, meno farina e più makeup

Share

In calo tinte per capelli e disinfettanti, mascherine +21 mila%

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mascherine-coronavirus-scaled.jpg

Meno farina, tinte per capelli e disinfettanti, più make-up, bevande per sportivi e anche condom. La fine del lockdown si riflette nei carrelli della spesa, secondo un’analisi di Coop Italia sugli acquisti dei loro clienti, presentata nella conferenza stampa “Coop e la fase 2: le iniziative per la ripartenza”. Dopo la spesa da bunker, che ha caratterizzato le prime tre settimane di emergenza Covid, fino al 15 marzo, si sono affermate nuove abitudini di consumo con meno accessi ai supermercati:

Gli scontrini che sono diminuiti del 40% a marzo e aprile e l’importo medio è salito a 46 euro dai 26 dei mesi precedenti. Queste tendenze sono rimaste a maggio, nella fase 2, ma i consumatori hanno rallentato gli acquisti “protagonisti” del lockdown: la crescita tendenziale della farina è passata dal 180% di aprile al 68% di maggio, quella delle tinte per capelli è crollata dal 165% al 30%, con la riapertura dei parrucchieri, quella di disinfettanti dal 280% al 59%. Mentre si è rafforzata la caccia alle mascherine, ora che si può uscire più liberamente, gli acquisti di queste protezioni hanno segnato +21 mila %. 


ANSA

Share
Share