Salini Impregilo (WeBuild), negli Usa cantieri aperti in massima sicurezza. Pronti a nuovo slancio infrastrutture con piano presidente Trump da $2 trilioni

Share

Salini Impregilo e la sua controllata americana Lane Construction proseguono l’attività per i progetti assegnati negli Stati Uniti, dove il presidente Donald Trump ha appena chiesto l’approvazione di un piano da 2 trilioni di dollari a sostegno delle infrastrutture in risposta all’emergenza COVID-19 (Coronavirus). I lavori nei cantieri statunitensi proseguono nel pieno rispetto delle indicazioni per contenere la diffusione della pandemia, con un rigoroso rispetto delle più stringenti misure di sicurezza per i lavoratori richieste dai singoli Stati, ed applicando nel modo più rigido possibile la normativa per tutelare la salute dei dipendenti diretti ed indiretti. “Con i tassi di interesse per gli Stati Uniti a zero – ha sollecitato Trump – questo è il momento per realizzare il piano infrastrutturale atteso da decenni”. Il programma del presidente americano si rivolge non solo alle infrastrutture di trasporto (strade, ponti, aeroporti), ma anche ad opere come i sistemi di potabilizzazione delle acque o di gestione delle acque reflue, la gestione delle risorse idriche ed energetiche. I progetti di Salini Impregilo e Lane riguardano la maggioranza di questi settori, come il piano da 20 miliardi per realizzare il treno superveloce tra Dallas e Houston (Texas) o il bacino Everglades in Florida. Tra gli altri lavori in corso o in via di completamento, anche la costruzione del nuovo viadotto
Desmond Bridge a Long Beach (California), destinato a diventare, per design e importanza, una nuova infrastruttura iconica per lo stato californiano.

Share
Share