Coprifuoco a Capodanno: gli orari e le regole in vigore in tutta Italia

Share

Cosa si può fare e cosa no il 31 dicembre 2020 e il 1° gennaio 2021 nel rispetto delle regole disposte dal decreto Natale: tutte le info utili

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è lockdown.jpg

Come ormai sappiamo, con il decreto Natale il Governo ha stabilito l’applicazione su tutto il territorio nazionale delle misure previste per zone rosse e arancioni per il periodo compreso tra il 24 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021, con una differenziazione a seconda dei giorni considerati più a rischio per potenziali spostamenti e occasioni di socialità.

Dal 24 dicembre al 6 gennaio l’Italia è stata così “colorata”:
Come ormai sappiamo, con il decreto Natale il Governo ha stabilito l’applicazione su tutto il territorio nazionale delle misure previste per zone rosse e arancioni per il periodo compreso tra il 24 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021, con una differenziazione a seconda dei giorni considerati più a rischio per potenziali spostamenti e occasioni di socialità.

Dal 24 dicembre al 6 gennaio l’Italia è stata così “colorata”:

  • giorni rossi: 24, 25, 26, 27 e 31 dicembre 2020 e 1°, 2, 3, 5 e 6 gennaio 2021;
  • giorni arancioni: 28, 29 e 30 dicembre 2020 e 4 gennaio 2021.

Lungo tutte le festività natalizie resta in vigore il coprifuoco in tutto il Belpaese: cioè, è vietato spostarsi su tutto il territorio italiano dalle 22 alle 5.

Coprifuoco a Capodanno: orari e regole
E a Capodanno? Per il 31 dicembre il Governo Conte ha deciso di allungare di 2 ore la durata del coprifuoco per evitare festeggiamenti e possibili occasioni di assembramento, che riunirebbero in uno stesso luogo più persone con gravi rischi di contagi Covid. Il 31 dicembre sono vietati gli spostamenti dalle 22 alle 7 del 1° gennaio.

Ricordiamo che nei giorni festivi e prefestivi (24, 25, 26, 27 e 31 dicembre e 1°, 2, 3, 5 e 6 gennaio) è possibile, una sola volta al giorno, spostarsi per fare visita a parenti o amici, anche verso altri Comuni, ma sempre e solo all’interno della stessa Regione, tra le 5 e le 22 e nel limite massimo di due persone.

La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che con loro convivono.

Quando si possono andare a trovare amici e parenti
Molti italiani si stanno chiedendo se, nel caso in cui si vada a casa di parenti o amici, nel rispetto dei limiti e degli orari previsti dalla normativa, si debba comunque rispettare il coprifuoco o si possa rientrare alla propria residenza, domicilio o abitazione in qualsiasi momento.

Il rientro a casa dopo essere andati a trovare amici o parenti deve sempre avvenire tra le 5 e le 22 (il 1° gennaio 2021 tra le 7 e le 22), sia nei giorni rossi che in quelli arancioni.

I motivi che giustificano gli spostamenti tra le 22 e le 5 restano esclusivamente quelli di lavoro, necessità o salute. Tra i motivi di necessità rientra anche l’assistenza a persone non autosufficienti. In tutti questi casi è necessario esibire il modulo di autocertificazione.


Libero.it