Ultimi giorni per il cashback Natale: ecco le regole per avere i 150 euro

Share

Manca meno di una settimana al termine dell’extra cashback di Natale: ecco tutti i passaggi per ottenere il rimborso degli acquisti fatti nelle festività

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Cashback-1.jpg

L’Italia resterà in zona rossa fino a domenica 27 dicembre: diventerà arancione lunedì 28, martedì 29 e mercoledì 30 per poi tornare sotto le massime restrizioni dal 31 dicembre 2020 al 3 gennaio 2021. Il governo invita comunque a partecipare all’extra cashback di Natale, un sistema organizzato per

incentivare gli acquisti nei negozi fisici piuttosto che in quelli online (che infatti sono esclusi). In sostanza chi paga con modalità digitali, ovvero con carta o bancomat, avrà diritto a un rimborso del 10% dell’importo totale speso. Il tutto verrà accreditato a febbraio 2021 sul rispettivo Iban. Ma cosa bisogna fare per ottenere indietro una parte dei soldi sborsati durante questo periodo di feste? Vediamo tutti i passaggi necessari.

Cosa fare per avere il cashback
Al programma cashback può aderire chi ha compiuto 18 anni e risiede in Italia. L’erogazione dei rimborsi previsti dal programma non è legata né al reddito né alla situazione patrimoniale dei partecipanti: non serve presentare una Dsu per il calcolo dell’Isee. Oltre ad aderire al programma tramite l’app IO (è necessario lo Spid), ci si può iscrivere sugli altri sistemi messi a disposizione dai cosiddetti Issuer convenzionati, cioè i soggetti che emettono i metodi di pagamento elettronici (carte o app) attivabili. Bisogna prestare molta attenzione alle applicazioni sbagliate. Non è previsto alcun limite al numero di partecipanti per nucleo familiare: ogni componente maggiorenne e residente nel nostro Paese può iscriversi individualmente al programma e ricevere il proprio rimborso.

I metodi di pagamento per partecipare sono carte di credito, carte di debito su circuiti internazionali e su circuito PagoBancomat, carte prepagate, le cosiddette carte fedeltà (ovvero carte e app di pagamento connesse a circuiti privativi e/o a spendibilità limitata – esclusi quindi quelli solo per accumulo punti), app di pagamento (come Satispay o BANCOMAT Pay) e altri sistemi di pagamento (ad esempio Google Pay e Apple Pay). Una volta caricate le carte di credito o di debito, bisogna controllare non solo se gli strumenti di pagamento siano presenti nella sezione Portafoglio dell’app IO, ma soprattutto che risultino effettivamente attivi.

In generale sono validi gli acquisti effettuati sul territorio nazionale (generi alimentari, capi di abbigliamento, spese mediche, ristoranti, farmaci, benzina) con i metodi di pagamento elettronico attivati al cashback: rientrano pure quelli per i servizi resi da artigiani (idraulici, elettricisti) o professionisti (medici, avvocati, taxi), purché le transazioni siano effettuate con i metodi di pagamento elettronico attivati che consentano di partecipare all’iniziativa. Ecco perché il consiglio è di verificare – prima del pagamento – se i loro sistemi di incasso sono compatibili con il cashback.

Come funziona il cashback
Manca meno di una settimana al termine dell’extra cashback di Natale, partito l’8 dicembre scorso e in scadenza il 31 dicembre 2020. In questa fase bastano almeno 10 operazioni cashless (senza contanti) e verrà riconosciuto il 10% di quanto speso nel periodo delle festività fino a un massimo di 1500 euro (come già detto, il rimborso massimo corrisponde a 150 euro). I rimborsi vengono accreditati entro 60 giorni dalla fine del periodo. Per le transazioni non è previsto un importo minimo. Tuttavia l’importo massimo ottenibile per ogni singola transazione è di 15 euro, anche se essa supera i 150 euro. L’ammontare del cashback sarà dato dalla somma dei rimborsi sulle singole transazioni valide ai fini del programma, che sono pari al 10% dell’importo per transazioni fino ai 150 euro, o pari a 15 euro per transazioni pari o superiori a 150 euro.

Dai numeri aggiornati da Palazzo Chigi pochi giorni prima di Natale emerge che oltre 5,3 milioni di cittadini italiani si sono iscritti al cashabck dall’app IO e da altri canali. Gli strumenti di pagamento attivati ammontano a 8,5 milioni, mentre le transazioni già elaborate hanno superato quota 22 milioni. Il cashback potenziale è di oltre 90milioni di euro; il cashback effettivo da erogare ai cittadini che già hanno acquisito il diritto al rimborso è pari a circa 37 milioni di euro.


Ilgiornale.it