Visco: la pandemia ha aggravato i problemi del debito pubblico

Share

“La pandemia e le misure adottate per il suo contenimento hanno esacerbato” i problemi del debito pubblico e della sostenibilità dei sistemi pensionistici. Lo ha affermato il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, ieri al convegno sugli Stati generali delle pensioni, organizzato da Università Bocconi e Deutsche Bank.
“Già prima della pandemia – ha aggiunto – in molti paesi avanzati il livello del debito pubblico risultava alto in prospettiva storica, in particolare a causa, nell’area dell’euro, dell’eredità della crisi dei debiti sovrani. Anche la sostenibilità dei sistemi pensionistici era oggetto di attenzione: l’effetto dell’invecchiamento della popolazione sulla spesa pubblica appariva solo in parte compensato dall’inasprimento dei requisiti per il pensionamento.
La pandemia e le misure adottate per il suo contenimento hanno esacerbato entrambi i problemi. Il rapporto tra debito pubblico e prodotto è aumentato ovunque, per effetto della recessione (sia in modo diretto sia attraverso l’operare degli ammortizzatori automatici di bilancio) e delle misure espansive discrezionali. L’aumento della disoccupazione si rifletterà, almeno nel breve periodo, in più alti tassi di pensionamento e in minori entrate contributive”.