Gli studiosi dicono: chi ha avuto un infarto dovrebbe fare tanto sesso

Share

Se di recente hai subito un attacco di cuore, tornare a fare sesso potrebbe essere prescritto dal medico, secondo uno studio israeliano sugli infarti. Lo studio, pubblicato sull’European Journal of Preventive Cardiology, ha esaminato 495 israeliani sessualmente attivi di età pari o inferiore a 65 anni che hanno tutti subito un primo attacco di cuore nel 1992-93. Nell’ambito dell’Israel Study of First Acute Myocardial Infarction, i ricercatori hanno visitato i pazienti mentre erano ancora ricoverati in ospedale subito dopo il loro primo attacco per chiedere loro della loro attività sessuale nel corso dell’anno precedente. L’età media dei pazienti era di 53 anni e il 90 per cento di loro erano uomini, secondo un riassunto dei risultati della Società Europea di Cardiologia, che pubblica la rivista. Tra tre e sei mesi dopo, a tutti gli intervistati è stato chiesto nuovamente se la loro attività fosse diminuita, ripresa allo stesso livello o aumentata in seguito all’attacco. I soggetti dello studio sono stati divisi in due gruppi in base alle loro risposte: il 47 per cento che ha affermato di aver ridotto la propria attività sessuale e il 53 per cento che ha affermato di averla mantenuta stabile o aumentata. Le differenze nelle loro vite successive erano nette. Dopo oltre due decenni, dopo che 211 dei pazienti erano morti (pari al 43 per cento del campione originale), i ricercatori hanno scoperto che coloro che erano tornati rapidamente al sesso avevano un rischio di morte inferiore del 35 per cento. I ricercatori hanno tenuto conto di altri predittori di mortalità prima di raggiungere quella cifra, tra cui “stato socioeconomico, depressione, attività fisica, obesità, salute auto-valutata e gravità dell’attacco di cuore”, secondo il rapporto di mercoledì dell’ESC sullo studio. La causa del minor rischio di morte non era un collegamento semplice o diretto tra sesso e morte, ha suggerito l’autore dello studio, il professore Yariv Gerber dell’Università di Tel Aviv, ma una combinazione di fattori legati allo stile di vita, ai benefici sociali e ai rapporti con i coniugi.