Martin Brok nominato CEO di Sephora

Share

E’ stato designato il nuovo amministratore delegato di Sephora, Martin Brok. Lvmh, Sephora sempre più orientata al cliente

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Martin-Brok.jpg

Martin Brok, manager con una profonda esperienza alle spalle derivata dalla sua brillante carriera, dapprima in Coca Cola e successivamente con Burger King, Nike e Starbucks, è entrato a far parte del team di LvmhSephora. Bernard Arnault, ceo di Lvmh, ha commentato così l’entrata in squadra di Martin Brok:
«Pensiamo ad una Sephora ancora più indirizzata al consumatore per «creare il prossimo capitolo rivoluzionario» del gruppo. Brok ha ricoperto come ultima responsabilità, la mansione di presidente di Starbucks per l’Europa e il Middle East.

Lo scopo di Lvmh è dare un impianto esecutiva al più grande dettagliante di prodotti di bellezza e lusso del mondo e Brok designato presidente e amministratore delegato di Sephora è l’uomo dalla «vasta esperienza e leadership internazionale in molteplici attività frenetiche e orientate al cliente», queste le parole di Arnault, chiamato «in un momento cruciale di cambiamento per la vendita al dettaglio globale».L’ex dirigente di Starbucks succederà direttamente al manager Chris de Lapuente che, dopo aver modificato in 10 anni in qualità di amministratore delegato la catena di bellezza in fenomeno planetario di loyalty e format innovativi, delegherà ora nuove responsabilità nel gruppo, che saranno annunciate nei prossimi giorni. Due anni fa il mandato di de Lapuente è stato infatti accresciuto per inserire anche il coordinamento del grande magazzino Le Bon Marché e dei marchi della divisione profumi e cosmetici di Lvmh poiché serviva un CEO a tempo pieno.«Voglio ringraziare Chris per aver trasformato Sephora in uno dei marchi di vendita al dettaglio di maggior successo al mondo con una cultura unica e un’organizzazione incredibilmente forte», ha detto Arnault.Brok intraprenderà il suo nuovo ruolo da lunedì prossimo e si inserisce in un periodo storico full di sfide per retail in generale e per il comparto della bellezza in particolare. Complice il boom del commercio online molteplici marchi indipendenti, dopo essere accresciuto tra le mure bianche e nere di Sephora hanno infatti l’aspirazione di vivere di vita propria sul web. Del resto, ci sono le sfide nei differenti mercati, dalla Cina che si rialza agli Usa, un Paese dove affrontare competitor iconici e mass market, soprattutto fisici: è il caso di Ulta Beauty, che con la sua catena «brick and mortar» si posiziona al primo posto con il 26,7% della quota di mercato, seguito da Bath & Body Works. Sephora, che è presente in 36 paesi con più di 2.600 negozi vende solo prestige beauty è solo terzo negli Usa con il 14,9% di market share, ma primo nel suo segmento dopo aver battuto i rivali dei department store. A Brok il compito di dare una carica rivoluzionaria catalizzando la crescita tra la community della bellezza.