Milano, il Teatro alla Scala riparte dal Requiem

Share

Fare le prove, per sei ore filate, della Messa da Requiem di Verdi indossando la mascherina non sarà facile. Ma la voglia di ripartire è più forte di tutto. E l’appuntamento simbolo della rinascita non solo di Milano ma del Paese dopo mesi di isolamento, è dietro l’angolo: venerdì 4 settembre alle 20.30, il maestro Riccardo Chailly dirigerà il Requiem nella Cattedrale di Milano in memoria delle vittime della pandemia, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, e del ministro dei beni culturali Dario Franceschini. E poi in altre due città ferite come Bergamo e Brescia. Per l’occasione, a Milano, l’organico sarà al completo, 94 orchestrali, 90 coristi, 4 solisti più il direttore, tutti a debita distanza per rispettare le norme anti contagio. Dopo i 4 concerti-test di luglio, per Chailly e l’orchestra si prevede un tour de force con 12 serate, prima di arrivare all’inaugurazione della stagione il prossimo 7 dicembre.
 Venerdì, l’unica ‘libertà’ sarà presentarsi sul palco senza mascherine, ma le regole per la sicurezza, degli artisti e degli ospiti, saranno rispettate, ha assicurato il sovrintendente Dominique Meyer, che ha fatto ‘tamponare’ tutti dai ballerini e coristi, dai fiati agli archi dell’orchestra. “Gli esiti non li sappiamo ancora per tutti – precisa – ma li avremo per le prove”. Prove molto affollate. Per garantire il distanziamento in teatro è stato realizzato un palcoscenico nuovo ad hoc.
 Dopo l’appuntamento milanese l’orchestra del Teatro alla Scala andrà lunedì 7 e mercoledì 9 settembre alle 20.30, nella Basilica di Santa Maria Maggiore a Bergamo e nel Duomo Vecchio di Brescia, stavolta con un organico più ridotto, adatto agli spazi. Il Coro è preparato da Bruno Casoni e si esibiranno i solisti Krassimira Stoyanova, Elīna Garanca, Francesco Meli e René Pape (a Bergamo sarà Michele Pertusi).     Questo Requiem, come ha spiegato Chailly, “è una scelta precisa, non viene mai inserito nella programmazione ma scelto per occasioni speciali. Dal 2014 è la quarta volta che lo dirigo a Milano” ricorda sottolineando “il coraggio collettivo e la volontà di esserci”, sebbene provare con la mascherina e distanziati “crea una difficoltà tecnica da gestire”, ma “lo sforzo merita per il significato che ha e che va oltre quello musicale”. Il Requiem “E’ un pensiero per tutte le famiglie che sono state colpite da questa tragedia – ha aggiunto il sovrintendente Meyer -. All’inizio si parlava dell’epidemia in modo leggero, poi si è parlato di numeri, e poi i primi nomi di persone che conoscevamo. E cambia la percezione. Tutta la regione è stata molto ferita, abbiamo voluto questo requiem come un pensiero per i morti e le loro famiglie”.