Per una Cascadia indipendente

Share

(di Mauro della Porta Raffo) Il prossimo 4 agosto, nello Stato di Washington, avranno luogo le Primarie per la selezione dei candidati al Governatorato.
Numerosi gli iscritti tra i democratici (Jay Inslee, l’incumbent, è il primo in elenco) e i repubblicani.
Tra i ‘minori’, come sempre tanti (i movimenti politici riconosciuti e attivi negli Stati Uniti sono duecentoventiquattro), si distingue David Voltz, presentato dal Cascadia Labour Party.
È la Cascadia una politicamente ipotizzata nuova Nazione (corrispondente alla analogamente chiamata ‘bioregione’).
Dovrebbe essere formata dall’Oregon, dal predetto Washington, dalla British Columbia e da territori limitrofi oggi appartenenze di altri Stati dell’Unione.
Il nome proposto deriva da quello della catena montuosa colà insistente.
Catena, chiamata appunto Cascade Range, che si stende per circa millecento chilometri lungo la costa pacifica.
Cascade, ovvero cascata.
Difficile e molto che Voltz vinca.