In Egitto, Uber ha licenziato centinaia di impiegati

Share

L’azienda di trasporti Uber Technologies ha licenziato centinaia di impiegati dal suo ramo in Egitto, mentre la società ha effettuato tagli più ampi in seguito alle ricadute del nuovo coronavirus, hanno detto alcuni ex dipendenti e un dipendente citati dall’agenzia di stampa Reuters. Gli ex dipendenti, entrambi rimasti ieri senza lavoro, e un dipendente che ha mantenuto il suo incarico, hanno dichiarato di essere stati informati che circa il 40 per cento del personale negli uffici egiziani di Uber era stato licenziato. Si tratta di un totale di 650-700 dipendenti, hanno affermato.
La decisione è arrivata quando Uber ha annunciato che avrebbe tagliato circa 3.700 posti di lavoro a tempo pieno a livello globale, incidendo sul 17 per cento del numero di dipendenti. L’Egitto, con una popolazione in crescita di oltre 100 milioni, è il più grande mercato in Medio Oriente per i servizi di trasporto passeggeri ed è stato tra i primi 10 mercati di Uber a livello globale.    Il Paese ha adottato una serie di misure per limitare la diffusione del nuovo coronavirus, tra cui un coprifuoco notturno e la chiusura di scuole e moschee. Tuttavia, il governo ha smesso di imporre un blocco e i taxi hanno continuato a funzionare durante le ore diurne.