Germania, l’aumento di contagi? Pare essere già rientrato: indice R0, le differenze con l’Italia

Share
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è germania-1.jpg

Dopo essere sceso a 0,7 e 0,9 nei giorni scorsi, l’indice R0 di diffusione del Covid-19 in Germania è risalito lunedì a 1, per poi, ieri, essere di nuovo sceso a 0,9. In ogni caso la Germania, scrive il Messaggero, raggiunta dall’emergenza coronavirus alcune settimane dopo l’Italia, conferma la buona gestione nel contrasto della pandemia grazie al vantaggio temporale avuto e a un sistema sanitario strutturato con circa 28.000 letti di terapia intensiva portati a 40.000 con l’emergenza. E conferma che la decisione, a differenza della fase 2 voluta da Conte, di terminare il lockdown è quella giusta se c’è un potere politico capace di decidere e gestire la situazione. I numeri tedeschi dimostrano inoltre che il premier non riesce ad avere la situazione sotto controllo: dovrebbe imparare dalla Germania e guardare come la Merkel sta gestendo l’emergenza.

Attualmente è in atto in Germania un parziale allentamento delle misure restrittive e domani, a fronte della pressione che viene dal mondo economico e dalla politica, in una nuova riunione fra la cancelliera Angela Merkel, i ministri interessati e i governatori dei 16 Länder, potrebbe essere decisa una ulteriore, parziale riapertura in alcuni settori. Il fattore R0 è considerato determinante per la diffusione, le capacità sanitarie e il contrasto del virus: 1 significa che un malato può contagiare un’altra persona; 1,2 due persone, mentre sotto l’1 vuol dire che un malato può infettare meno di un’altra persona evitando così un sovraffollamento degli ospedali. La scorsa settimana sono entrate in vigore misure di allentamento del lockdown, con un margine di variabilità a seconda del Land con riapertura parziale, in qualche regione, delle scuole (classi dimezzate per gli studenti che seguono dal vivo o da casa in remoto). I ministri dell’istruzione dei Länder hanno presentato ieri alla cancelliera un piano che prevede per tutti gli 11 milioni di studenti il ritorno a scuola, a regime alternato, prima delle ferie estive.

liberoquotidiano.it