Videogiochi: un italiano su venti non ne ha mai provato uno

Share

Otto persone su dieci giocano abitualmente ai videogames, anche tra gli over 50. La piattaforma preferita? Per i più “anziani” vince lo smartphone

Quello dei videogiochi è un mercato in crescita, che sta lentamente conquistando un bacino d’utenza sempre più ampio anche nel nostro Paese. I dati parlano chiaro: stando a un sondaggio condotto da Euromedia Research e commissionato da Multiplayer.it, in Italia la percentuale di persone che non si sono mai avvicinate ai videogames è inferiore al 5% (esattamente 4.7% su un campione di 800 intervistati).

Meno di una persona su venti, dunque, non ha mai toccato un videogioco nella sua vita, principalmente per mancanza di tempo o per scarsa affinità nei  confronti di questi prodotti. Un dato che testimonia come questo settore dell’intrattenimento stia prendendo sempre più piede anche nel Bel paese: negli ultimi sei mesi, infatti, otto persone su dieci hanno giocato ad almeno un videogioco (81.4% degli intervistati), non importa su quale piattaforma.

La maggior parte dei gamer è di sesso maschile (l’87.6% degli uomini si è dichiarato un videogiocatore, mentre a rispondere favorevolmente è stato solo il 75.1% delle donne), ma la fascia d’età più popolare è comprensibilmente quella tra i 18 e i 24 anni (86.6% degli intervistati), con una sorprendente quota di giocatori tra i 50 e i 55 anni (81.4%) che va a ribadire come il mercato dei videogiochi stia coinvolgendo non solo i giovanissimi, ma anche un pubblico sempre più maturo.

Famiglia e carriera riducono leggermente la percentuale di giocatori tra i 30 e 39 anni (78.8% degli intervistati), ma anche e soprattutto il tempo che si può dedicare a una simile passione: un ragazzo su tre gioca ogni giorno (41% degli intervistati), mentre solo il 29% degli over-50 riesce a mantenere simili ritmi. La maggior parte dei giocatori riesce a dedicare ai videogiochi due o tre giornate a settimana (41.8% degli intervistati), mentre sono pochissimi coloro che giocano saltuariamente durante il mese (12% degli intervistati tra i senior, 4% tra i giovani).

Dov’è che vengono giocati i videogiochi? Dipende dall’età, e anche dal sesso. Gli uomini, specialmente i ragazzi, preferiscono PlayStation, Xbox e PC, mentre le donne e più in generale gli over 50 preferiscono giocare su mobile. Lo smartphone diventa sempre più popolare, con il 35% del campione intervistato che ha dichiarato di giocare in mobilità (il valore massimo è stato registrato dalle donne, con il 46.2%, e dagli over 50, con il 42.5%).

Tgcom24