Case, i prezzi del mattone in Toscana restano stabili

Share

Prezzi delle case stabili in Toscana nel terzo trimestre dell’anno. Lo rileva l’Osservatorio di Immobiliare.it, evidenziando che i prezzi richiesti da chi vende casa sono rimasti invariati mentre sono aumentati dell’1,1% i canoni di locazione.
Se a livello regionale si registrano solo piccole variazioni, la situazione è ben più variegata nel mercato delle principali città del territorio toscano.
Partendo dalle compravendite, la città che ha conosciuto un maggiore aumento dei prezzi rispetto a giugno 2019 è Prato, che segna un +3%, seguita da Carrara (+2,4%) e Firenze (+1,8%). Perdono poco più di un punto percentuale Lucca e Livorno. Anche per gli affitti Firenze si conferma la città più cara della regione. Rispetto a giugno 2019 il prezzo richiesto è aumentato dell’1,4%. Le risalite dei prezzi degli affitti più evidenti sono però quelle di Massa (+4,2%), Carrara (+3,7%) e Pistoia (+2,5%). Unica città in controtendenza con questa crescita generale degli affitti è Grosseto, che negli ultimi tre mesi ha perso 1,7 punti percentuali, vedendo il canone richiesto dai locatori scendere fino a 8,46 euro/mq.

Share
Share