Apple iOS 13 disponibile da questa sera alle 19, ecco gli iPhone compatibili e come installarlo

Share

Il nuovo sistema operativo iOS 13 per iPhone, annunciato a giugno, sarà disponibile a partire da questa sera alle 19 ora italiana. Riepiloghiamo le novità, gli smartphone compatibili e la procedura di installazione.

Il nuovo sistema operativo iOS 13 per iPhone sarà disponibile questa sera a partire dalle 19 ora italiana. Tutti i dispositivi compatibili potranno scaricarlo e gli utenti prendere confidenza con le novità. Gli iPhone compatibili comprendono tutte le ultime generazioni fino ad arrivare a iPhone 6S e iPhone 6S Plus. iOS 13 sarà disponibile anche per iPhone SE e iPod Touch di 7° generazione.

Per procedere all’installazione del nuovo sistema operativo, bisogna essere collegati a una rete Wi-Fi e recarsi nelle Impostazioni, selezionando poi le voci “Generali” e “Aggiornamento Software”. A questo punto, sarà sufficiente fare clic su “Scarica e Installa”. Prima di eseguire l’aggiornamento, è consigliabile effettuare un backup di tutti i dati.

Non sono previste sorprese dell’ultima ora, dato che Apple aveva già svelato tutto quello che c’era da sapere sul nuovo software in occasione della conferenza internazionale WWDC 2019 tenutasi nel giugno scorso.

Le novità, che riepiloghiamo di seguito, riguardano la gestione della privacy, la modalità Dark Mode, la grafica delle mappe, l’organizzazione delle foto , la salute femminile e altri dettagli. Ricordiamo che per quanto riguarda gli iPad, Apple ha previsto un sistema operativo a sé stante, iPad OS, che sarà disponibile a partire dal 30 settembre.

Privacy

Per quanto riguarda la privacy, iOS 13 si focalizza sulla condivisione della posizione dell’utente, che d’ora in poi potrà decidere se condividere con una determinata app la propria posizione solo una volta, o tutte le volte che la utilizza. Inoltre, quando un’applicazione utilizza la posizione in background, l’utente ne riceverà notifica. I più attenti alla privacy gradiranno anche sapere che d’ora in poi le app non potranno più ricavare la posizione senza consenso mentre si usano Wi-Fi o Bluetooth.

La novità più importante riguarda un nuovo metodo di autenticazione “Accedi con Apple”, che si pone come alternativa a Google e Facebook. Semplifica e accelera l’accesso ad app e siti web usando l’ID Apple, che deve essere necessariamente protetto con l’identificazione a due fattori. Infine, Apple può anche creare sul momento un indirizzo mail univoco (da utilizzare per un determinato servizio) che non riporta nessun dato personale.

Dark Mode

La funzione Dark Mode consente di impostare su tonalità scure l’intera interfaccia, comprese le applicazioni di sistema. Si può attivare dal Centro di Controllo o direttamente dalle Impostazioni. Oltre all’attivazione manuale, è possibile impostarla in modo che si attivi e disattivi a determinati orari. Apple ha messo a disposizione degli sviluppatori un’API che permette loro di integrare la Dark Mode nelle applicazioni.

Mappe

La grafica del servizio Mappe è stata completamente ridisegnata. Ora è presente “Guardati Intorno”, l’alternativa Apple alla funzione Street View di Google Maps. Analogamente alla concorrente, fornisce una visione tridimensionale dell’ambiente circostante. Laddove disponibile, sarà sufficiente cliccare sull’icona a forma di binocolo per attivarla. Le altre novità riguardano la netta distinzione tra Preferiti (posti visitati frequentemente) e Raccolte (luoghi che si vogliono visitare); condivisione dell’orario di arrivo e “Vista Incroci”, che indica la corsia da prendere prima di arrivare a un incrocio.

Foto

Con iOS 13 esordisce un pannello che organizza le foto secondo i criteri: giorni, mesi, anni. La sezione Anni funge anche da “ricordi”, mostrando la foto scattata nello stesso giorno degli anni precedenti. L’applicazione Foto ora è in grado di rimuovere gli scatti doppi o superflui. Non vengono eliminati ma riconosciuti e nascosti tramite tecnologie di apprendimento automatico, per far sì che l’utente veda solo le foto migliori. È stata migliorata anche la funzione di ricerca, che permette ricerche per momenti, persone, luoghi o categorie come animali, alimenti, eccetera.

Non manca qualche miglioria in ambito editing. Le modifiche apportate ora sono più facili da visualizzare. Inoltre, tutte le opzioni di modifica sono disponibili anche per i video. Le modifiche non sono “distruttive”: i filmati e le foto originali possono essere ripristinati rimuovendo i filtri.

Dov’è

Dov’è è un’applicazione unica che comprende “Trova il mio iPhone” e “Trova i miei amici”. Il dispositivo contrassegnato come “smarrito” potrà essere individuato anche senza connessione a Internet, mediante segnale Bluetooth. Se un altro utente lo identifica, il legittimo proprietario riceverà una notifica con la posizione del dispositivo. Tutto avviene in forma anonima e con crittografia end‑to‑end.

Siri

La voce di Siri ora è più naturale e vicina al parlato umano. Con un paio di AirPods di seconda generazione collegati, l’assistente virtuale di Apple legge i messaggi ricevuti sull’iPhone. Inoltre, è possibile collegare due paia di AirPods allo stesso iPhone per ascoltare lo stesso contenuto in contemporanea con un’altra persona.

Altro

Tastiera: la funzione QuickPath di QuickType permette di scorrere da una lettera all’altra per comporre le parole senza alzare il dito dal display. La barra predittiva d’ora in poi mostrerà anche le parole alternative.

Promemoria: l’app è stata riprogettata per essere più efficiente. Gli Elenchi smart organizzano automaticamente gli impegni, mettendo in evidenza i promemoria in scadenza. Inoltre, Siri è in grado di capire possibili eventi quando si chatta con qualcuno in Messaggi e offrirà suggerimenti per creare un Promemoria. È possibile allegare ai promemoria foto, file, scansioni di documenti e link web.

Salute: l’app consente un monitoraggio accurato di tutte le fasi del ciclo mestruale con previsioni del ciclo e del periodo fertile.

Impossibile non citare, infine, il nuovo indicatore del volume, che finalmente ha sostituito quello precedente ritenuto troppo invasivo. Da stasera si vedrà una discreta barra sul lato per regolare il volume dei contenuti multimediali, e una in alto se si riferisce alla Suoneria.

di Tom’s Hardware, il fatto quotidiano

Share
Share