Libra sotto torchio dalla Bri

Share

 Primo confronto a Basilea fra Libra, la criptovaluta di Facebook, e la Banca dei regolamenti internazionali, che rappresentando le grandi banche centrali globali promette criteri rigorosissimi se il colosso dei social media vorrà andare avanti col suo progetto. “Le stablecoin (criptovalute protette contro eccessive fluttuazioni di mercato, come Libra, ndr) sono in gran parte non verificate, specialmente quando si tratta di condurre un sistema globale dei pagamenti”, dichiara in una nota della Bri Benoit Coeuré, consigliere esecutivo della Bce. Secondo Coeuré – che ha presieduto la riunione a Basilea indetta da un gruppo di lavoro del G7 sulle stablecoin – sono numerosi i “rischi gravi” legati alle criptovalute, e “l’asticella per un via libera regolamentare sarà alta”. Augustin Cartens, general manager Bri, ha dichiarato che “quando simili iniziative travalicano i confini nazionali, è importante per le autorità coordinarsi e arrivare a una comprensione comune”. Previsto un report finale il mese prossimo.

ANSA

Share
Share