Università, nel 2019 saranno quelle del Nord ad assumere di più

Share

Gli atenei virtuosi? Sono soprattutto al Nord. E, grazie al decreto firmato tre giorni fa dal ministro Marco Bussetti, potranno avviare un turnover che andrà oltre la sostituzione dei pensionati. Le università che devono ancora sistemare i loro conti, invece, dovranno accontentarsi di assumere su una quota inferiore al 100%. È quanto emerge dall’ultimo provvedimento per il 2018 del ministero dell’Istruzione, dell’università e della ricerca per il mondo accademico. Il cosiddetto decreto sui “punti-organico”: il meccanismo che detta alle università le regole per rimpiazzare i docenti in quiescenza. In misura maggiore se “virtuose”, più limitata per quegli atenei che si presentano con i conti ancora da sistemare.

Più assunzioni al Nord

Esaminando i dati contenuti nella tabella allegata al decreto, emerge che saranno soprattutto gli atenei settentrionali, nel 2019, ad avere la facoltà di assumere di più. Oltre la metà di quelli meridionali potrà invece effettuare un turnover solo parziale, perché hanno ancora troppi docenti alle proprie dipendenze. Sono due i parametri presi in esame per stabilire quali università potranno assumere oltre il 100%: alle università è richiesto di avere una spesa per il personale inferiore all’80% del totale e un indicatore di sostenibilità economico-finanziaria superiore a 1.

Stanto a questi criteri sono in tutto 36 su 63 gli atenei italiani “meritevoli”. In termini percentuali, il 73% di quelli del Nord, il 50 per cento di quelli ubicati nelle regioni centrali e il 48% di quelli collocati al Sud. La riforma Gelmini del 2008 aveva limitato il turnover ad una quota dei pensionati che nel corso degli anni è aumentata: nel 2017 era pari all’80%, nel 2018 ha raggiunto il 100%.

Il peso dei conti in ordine

Per il 2019, l’inquilino di viale Trastevere ha stabilito che tutti gli atenei potranno assumere per metà dei punti organico che si liberano per i pensionamenti (un docente ordinario pesa economicamente di più di un docente di seconda fascia e ancora di più di un ricercatore, e di conseguenza libera più punti), mentre l’altra metà è stata distribuita in base al merito. Così l’ateneo di Bergamo potrà assumere per il 310% dei pensionamenti, circa il triplo. E la scuola superiore Sant’Anna di Pisa addirittura il quadruplo.

I casi virtuosi del Sud

In fondo alla classifica c’è l’università del Salento, con un turnover limitato al 57%. Ed è l’ateneo di Chieti-Pescara il più virtuoso al Sud: potrà assumere il doppio dei propri pensionati. “Dopo molti anni – dichiara Bussetti – si inverte la rotta: le assunzioni torneranno a crescere e non ci si limiterà al solo ripristino del turnover. Consentire nuove assunzioni è importante per garantire la qualità dell’offerta formativa delle nostre università”.

Salvo Intravaia, Repubblica.it

Share
Share