Conti correnti, arriva la stangata: aumenti sui costi

Share

L’analisi sui conti correnti. Quelli online costano il 32% in più. Quelli tradizionali aumentati del 14%

Finite le ferie, arriva la stangata. Con settembre le famiglie si troveranno a far fronte ad alcuni rincari, in particolare sui conti correnti dove gli aumenti arriveranno fino al 32%.

Non poco.

Gli aumenti dei conti online

Nell’ultimo anno, come rivela La Stampa, i costi per i conti correnti online sono aumentati di oltre un terzo in un anno. In molti si sono affidati ai prodotti internet per risparmiare rispetto alle classiche banche con le filiali sparse su tutto il territorio, ma ora anche sui servizi online arrivano gli aumenti delle commissioni e dei costi in generale.

Come detto, la spesa media nell’ultimo anno è aumentata del 32,30%, ovvero circa 10 euro in più di costi. Secondo quanto rivelato da SosTariffe.it, che ha analizzato 17 istituti bancari italiani, dai 32,72 euro di settembre 2018 si è arrivati a 43,28 euro medi. A pesare è in particolare la carta di credito, che costa fino al 76% in più. Poi c’è il costo del prelievo Atm (+46%), mentre scendono le commissioni per i bonifici (-30%) e quelli per il prelievo allo sportello (-11%).

I conti correnti tradizionali

Va un po’ meglio, ma non troppo, per i conti correnti tradizionali. Secondo SosTariffe.it, infatti, anche in questo caso negli ultimi 12 mesi sono stati registrati degli aumenti (anche se più contenuti). Il costo annuo per un conto sia online che allo sportello si aggira intorno ai 132 euro, in aumento del 14%.

Il Giornale