Web tax non parte, rischio buco 150 milioni

Share

La web tax non decolla, nemmeno in versione gialloverde. Il decreto attuativo che doveva arrivare entro il 30 aprile non ha visto ancora la luce, rallentato anche dal mancato accordo Ue sulla tassazione dei giganti del web. La nuova tassa, dopo il restyling della manovra della norma già introdotta per il 2018 e mai attuata, prevede un’aliquota del 3% per le aziende con oltre 750 milioni di ricavi di cui almeno 5,5 milioni da servizi digitali in Italia. Se non sarà operativa si rischia subito un ‘mini-buco’ da 150 milioni, che sale a oltre mezzo miliardo l’anno a regime.

ANSA