Conte, il convitato di pietra della Serie A

Share

(di Cesare Lanza per LaVerità) Scommettiamo che sul campionato di calcio incombe un convitato di pietra? Lasciando da parte Molière, cos’è un convitato di pietra? Cito dal nuovo dizionario De Mauro: «Persona 0 anche situazione spiacevole che si cerca di dimenticare o non affrontare, ma che si ripresenta costantemente». Scusatemi, non la tirerò per lunghe: il convitato di pietra che incombe sul campionato, il fantasma che non si vuole affrontare, è Antonio Conte. L’ex allenatore della Juventus, della Nazionale e del Chelsea è uno dei cinque migliori allenatori italiani: con lui, a mio giudizio, Carlo Ancelotti, Massimiliano Allegri, Maurizio Sarri e Gian Piero Gasperini (che non ha avuto finora i riconoscimenti che merita, ma sa insegnare come nessun altro a giocare al calcio). Fate voi, a piacimento, la classifica che preferite. Comunque, Conte – esonerato dal Chelsea – è un vincente; e libero sul mercato. Come ho già scritto, il campionato sarà molto incerto e combattuto: il nome del convitato invisibile peserà a ogni partita sul destino dei suoi colleghi, pronto a subentrare sulle più allettanti panchine. A onor dei vero le opportunità non sembrano numerose. Da escludere che la Juve possa richiamarlo, idem che il Napoli rinunci ad Ancelotti appena assunto. LE. Roma – che ne avrebbe bisogno, per vincere finalmente ! – non mi sembra all’altezza delle ambizioni e del e osto di Conte. Sempre imperscrutabile la Lazio di Claudio Lotito. Restano Inter e Milan. Luciano Spalletti per me è un perdente compulsivo, ma ha appena rinnovato un contratto pluriennale. Nel calcio italiano mai dire mai. Sarà però Rino Gattuso a fare i conti con il convitato.

Share
Share