Corte di Strasburgo, lecito l’uso di Gesù e Maria in pubblicità

Share

Multa inflitta ad azienda lituana viola la libertà di espressione

 

La Corte europea dei diritti umani legittima e difende l’uso di simboli religiosi nelle pubblicità, e condanna la Lituania per aver multato un’azienda che si è servita di Gesù e Maria su poster e internet per vendere vestiti. Secondo i giudici la multa inflitta per aver “offeso la morale pubblica” ha violato il diritto alla libertà d’espressione dell’azienda.

Ansa