Mattarella firma il decreto con la Manovra

Share

Il testo sfrutta gli effetti della correzione strutturale dei conti per alleggerire di 5 miliardi la clausola di salvaguardia per il 2018, con i relativi aumenti dell’Iva

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha firmato il decreto legge sulla manovra di correzione dei conti pubblici e contenente anche misure per lo sviluppo. Il decreto è ora in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.
La ‘manovrina’ non servirà solo ad aggiustare i conti del 2017 ma consente al governo di fare un primo passo per evitare gli aumenti dell’Iva dal 2018. Dal testo finale del maxi-decreto spunta infatti una norma ad hoc che riscrive la clausola di salvaguardia che scatterebbe dal 2018, in assenza di misure alternative, ‘alleggerendo’ il conto grazie a 5 miliardi che la manovra porta in dote per il prossimo anno come correzione strutturale (3,4 miliardi l’aggiustamento strutturale sul 2017).
La scelta, che probabilmente è tra le cause dei ritardi con cui il testo approvato l’11 aprile dal Consiglio dei ministri è stato trasmesso al Colle, consente intanto all’esecutivo di ‘blindare’ quelle risorse, ed evitare, come spiegano fonti di governo, che si scatenino su quel ‘tesoretto’ dello 0,3% del Pil gli appetiti del Parlamento. I 5 miliardi vengono infatti già impiegati per rimodulare gli aumenti dell’aliquota ordinaria (che passerebbe dal 22% al 25% nel 2018 per poi aumentare solo dello 0,4% e non più dello 0,9% l’anno successivo) e per dimezzare l’incremento dell’aliquota agevolata al 10%, che ora si prevede salire ‘solo’ di un punto e mezzo, all’11,5% anziché al 13%. Resterà da vedere con quali misure, e per quale entità, il governo sostituirà poi i 14,6 miliardi di rincari rimasti (la salvaguardia valeva in origine 19,7 miliardi sul 2018) con la prossima manovra d’autunno.
La ‘finanziaria di primavera’ si è fatta attendere per quella ‘complessità’ del provvedimento (68 articoli) più volte evocata dal ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, che è a New York per un nuovo roadshow promozionale dell’attrattività dell’Italia. Il ministro davanti alla comunità finanziaria farà leva sulle misure per migliorare il ‘business enviroment’ messe in campo dal governo in questi anni, da ultimo con la manovrina con la quale vengono rafforzate alcune norme, in particolare Pir e agevolazioni alle Pmi, e viene introdotta una misura ribattezzata ‘acchiapafondi’, pensata proprio per intercettare capitali in uscita da Londra dopo la Brexit.
Il testo definitivo trasmesso al Colle non dovrebbe riservare altre ‘sorprese’. Le voci di entrata più rilevanti restano la stretta sulle compensazioni fiscali e sull’Iva, con lo split payment ampliato alle partecipate pubbliche e alle prime 40 società quotate (tutte quelle del Ftse Mib). Una misura che, precisa il Tesoro, non comporta aggravi per le aziende ma punta a stanare l’evasione che si può annidare tra i loro oltre 60mila fornitori. Gli aumenti di tasse si limitano alle accise sui tabacchi e ai rincari sui giochi, tassa sulla fortuna compresa, mentre il contributo dei ministeri è stato limato a meno di mezzo miliardo. I dicasteri saranno comunque chiamati già entro maggio a indicare dove vorranno tagliare per portare a casa un altro miliardo dal 2018, come prevede la ‘spending review‘ permanente introdotta con la riforma del Bilancio.

La Repubblica

Share
Share