Presunte molestie, Warner Bros sospende il produttore di Supergirl

Share

La Warner Bros. TV Group ha sospeso Andrew Kreisberg, produttore di “Supergirl”, “Arrow” e “The Flash”, per accuse di molestie sessuali nei confronti di 19 tra ex e attuali dipendenti.

L’azienda fa sapere di considerare “in maniera seria tutte le accuse di cattiva condotta“. Le accuse contro il produttore sono state rivelate dalla rivista Variety e Kreisberg ha replicato sostenendo di aver solo rivolto commenti “su come erano vestite le donne”.
Il produttore si è difeso affermando di non aver mai detto “qualcosa di sessista“. Come altri “ho anche dato un bacio sulla guancia o un abbraccio, non sessuale”, ha concluso Kreisberg. Le presunte vittime, 15 donne e 4 uomini, sono rimasti nell’anonimato. L’azienda in un comunicato ha scritto: “Non c’è niente di più importante della sicurezza e il benessere dei nostri cast, equipaggi, scrittori, produttori e qualsiasi altro personale. Non tolleriamo le molestie e ci impegniamo a fare tutto il possibile per creare un ambiente sicuro per lavorare e per parlare in maniera sicura”.

TgCom24