Nuova Volvo XC60, tecnologia e sicurezza oltre il limite

Share

Il Suv della casa svedese che debutterà al salone di Ginevra è equipaggiato con tre avanzati dispositivi di assistenza alla guida per evitare potenziali collisioni

Togliere autonomamente il guidatore dai guai. E’ questa, in estrema sintesi, la capacità del nuovo mid Suv XC60 che Volvo Cars, presenterà al prossimo salone dell’auto di Ginevra. Grazie infatti alla presenza di tre nuovi e avanzati dispositivi di assistenza alla guida, che si prefiggono di evitare all’automobilista situazioni di guida problematiche, in nuovo modello della casa svedese risulterà una delle vetture più sicure in circolazione. Le nuove dotazioni di sicurezza sono state sviluppate per offrire al conducente, in caso di necessità, un supporto o un aiuto automatico alla sterzata evitando così eventuali incidenti.
“Sono molti anni che ci occupiamo di sistemi di prevenzione delle collisioni e ci rendiamo conto di quanto possano essere efficaci nella pratica – ha spiegato Malin Ekholm, senior director del centro sicurezza di Volvo Cars – Soltanto in Svezia si è registrato un calo di circa il 45% dei tamponamenti e degli impatti frontali ad essi correlati grazie ai nostri sistemi di segnalazione di impatto potenziale con frenata automatica. Con la nuova XC60 intendiamo andare oltre nella riduzione delle collisioni evitabili, aggiungendo dei dispositivi di supporto e assistenza alla sterzata”.
La nuova XC60 beneficia di un aggiornamento del sistema “City Safety”, attivo fra i 50 e i 100 km/h, che ora comprende il supporto alla sterzata capace di entrare in azione quando la frenata automatica da sola non sarebbe sufficiente a evitare un potenziale impatto. Ecco quindi che la vettura fornirà autonomamente l’assistenza alla sterzata per evitare l’ostacolo presente davanti ad essa aiutando così a evitare le collisioni con altri veicoli, pedoni e animali di grandi dimensioni.
E sempre in tema di sicurezza è presente il dispositivo denominato “Oncoming Lane Mitigation”, attivo fra i 60 e i 140 km/h, che aiuta il guidatore a evitare impatti con veicoli che sopraggiungono in senso opposto. Il sistema avvisa il conducente che è involontariamente uscito dalla propria corsia di marcia correggendo automaticamente la sterzata per riportare l’auto nella corsia giusta e fuori dalla traiettoria degli eventuali veicoli che transitano nella direzione contraria.
“I dispositivi di nuova introduzione rappresentano un chiaro passo avanti verso la realizzazione di vetture a guida completamente autonoma – ha aggiunto Malin Ekholm – Nella nuova XC60 saranno presenti tutti i vantaggi della tecnologia di sicurezza che abbiamo introdotto nelle vetture più grandi della nostra Serie 90. Questa scelta è assolutamente coerente con il nostro approccio strategico che punta a sviluppare sistemi di sicurezza per le auto sulla base di situazioni stradali e di traffico reali. Il nostro obiettivo per il futuro è quello di arrivare ad azzerare entro il 2020 il numero di vittime o feriti gravi a seguito di incidente in una nuova Volvo”.
Il dispositivo “Blind Spot Information System”, che segnala al conducente la presenza di veicoli negli angoli ciechi, disponibile come optional, è stato aggiornato con la funzione della sterzata assistita al fine di evitare eventuali collisioni con veicoli che si trovano, appunto, in un angolo cieco.
Insomma, al pari di quanto proposto dalla gamma ammiraglia della Serie 90, anche per la nuova XC60 sono disponibili avanzati sistemi di sicurezza e assistenza al guidatore come il Large Animal Detection, il Run-off Road Mitigation o l’opzionale Pilot Assist, con funzione semi-autonoma di supporto alla guida, tutti studiati con l’obiettivo di rendere la guida più piacevole, confortevole e sicura. (m.r.)

La Repubblica