Voli low cost Europa-Usa, la “rivoluzione” di Norwegian

Share

Brexit sì, ma dipende dai punti di vista. Se il Regno Unito lo scorso giugno ha votato per uscire dall’Europa, adesso strizza l’occhio ai cugini statunitensi. E lo fa grazie alla compagnia aerea Norwegian Air Shuttle , che ha lanciato dieci nuove rotte low cost di lungo raggio da Belfast, Cork, Dublino, Edimburgo e Shannon. Direzione: i piccoli aeroporti americani come Newburgh e Providence, a meno di 100 chilometri rispettivamente da Manhattan e Boston. Si tratta di terminal lontani dalle grande città, che permettono alle compagnie di pagare meno tasse, riducendo il costo dei biglietti.
La svolta epocale, perché di questo si tratta, ha un luogo, una data e un orario: Edimburgo, 17 giugno, 17:40. Dall’aeroporto scozzese decollerà il primo Boeing 737, 189 posti, destinazione Hartford, Connecticut, a metà strada tra Boston e New York. Un’operazione destinata a confermare la crescita del fatturato della Norwegian, raddoppiato negli ultimi quattro anni.
I primi biglietti aerei sono stati venduti a partire da 69 euro. Sono ovviamente finiti subito, ma ancora adesso è possibile organizzare una vacanza a stelle e strisce spendendo decisamente poco. Volete passare 10 giorni a New York il prossimo gennaio? Prenotare il volo oggi costa circa 255 euro, ritorno compreso. Di fatto, a ppena 40 euro in più rispetto a un volo (anche qui andata e ritorno) d a Torino a Reggio Calabria, nello stesso periodo. A feste natalizie finite. Si paga addirittura di più se si fa scalo a Roma.
La politica dei prezzi bassi, anche dieci volte inferiori rispetto a quelli delle altre compagnie, implicano necessariamente la presenza a bordo di servizi totalmente a pagamento. Dalla scelta del posto al cibo, passando per il bagaglio in stiva: niente di nuovo per chi ha viaggiato almeno una volta a bordo di un aeromobile come quello di Ryanair.
Insomma, il terreno è stato smosso e adesso non resta che aspettare la risposta delle altre compagnie per riuscire a volare low cost anche da Paesi come l’Italia. Iag , il gruppo che racchiude British Airways, Iberia, Aer Lingus e Vueling, in tal senso si sta già muovendo. Nei prossimi mesi inaugurerà i voli a prezzi ridotti intercontinentali da Barcellona. È solo l’inizio. La Route 66 non è mai stata così vicina.

IL SECOLO XIX