Mercato discografico, lo scorso anno la crescita è stata del 21% Boom dello streaming, ma pochi ricavi da YouTube & co.

Share

Musica digitale, ricerca SamsungUn boom dello streaming per il mercato musicale italiano, ma il supporto fisico è pur sempre forte e fa la sua parte nel 2015, garantendo insieme con la musica digitale un incremento del 21% per il settore. In totale, secondo i dati raccolti da Deloitte per la Fimi – Federazione dell’industria musicale italiana, il fatturato al sell in (registrato sulle vendite ai negozi) è stato di oltre 148,3 milioni di euro, contro i 122,2 milioni del 2014, anno in cui la crescita c’era già stata ma si era fermata al 4%. La quota maggiore del fatturato arriva sempre grazie al supporto fisico: il 59% del totale, seppure in diminuzione di tre punti percentuali su un anno prima. Il totale è di 88 milioni di euro, in crescita del 17%. Si tratta ovviamente perlopiù di cd, ma si conferma il momento del vinile, le cui vendite si sono incrementate del 56% passando ai 6 milioni di euro. Il mercato digitale allarga quindi leggermente la propria fetta sul totale, 41%, e arriva a 60,26 milioni, +29% sul 2014. Siamo ben distanti da quello che accade negli Stati Uniti, dove lo scorso anno il digitale pesava per oltre il 68% dei ricavi: poco male per il nostro settore discografico, dal momento che il supporto fisico è quello che tutt’ora riesce a garantire i ricavi unitari maggiori. C’è però una tendenza che il mercato italiano rispetta appieno: lo streaming sta diventando la modalità di fruizione dominante nella musica digitale, tanto che è cresciuto del 54% a 41,2 milioni, contro un calo del 5% del download che ha fruttato 19 milioni. Andando più in profondità e dividendo lo streaming fra quello che arriva dai servizi gratuiti supportati dalla pubblicità e quello dei servizi su abbonamento, si nota come i ricavi del primo fra cui rientrano YouTube e Spotify free, pur cresciuti del 38% sono stati di soli 14,25 milioni. I ricavi da abbonamenti (Apple Music o Spotify, fra gli altri) sono invece stati di quasi 27 milioni, in incremento del 63%. Numeri che dimostrano come lo streaming gratuito (si pensi a quanti sono gli utenti del solo YouTube che ogni giorno ascoltano musica) sia un modello da cui la musica ricava molto meno rispetto agli altri.

Andrea Secchi, Italia Oggi

Share
Share