Allegri prevede “molti gol”. Ma 0-0 è “ottimo risultato”

Share

Il tecnico: “Non prendere gol all’andata significa avere due risultati su tre al ritorno”. Sui suoi: “Saranno all’altezza del Bayern”. E Buffon svela di non essersi accorto della striscia di imbattibilità…

allegri e buffon“Abbiamo grandi possibilità di passare il turno”. No, ask non è Pep Guardiola, sono le parole di Massimiliano Allegri alla vigilia del Bayern. Deciso, ottimista, ma anche consapevole: “Più di un ottavo questa partita somiglia più a una semifinale”. La Juve recupera Khedira e Mandzukic (“Si sono allenati e stanno bene, saranno della partita”) e fa all-in sulla sfida di domani in casa; la difesa del Bayern è in piena emergenza e Manduzkic ha fame di rivincita.
STESSE PROBABILITÀ — “A inizio partita abbiamo il 50%, unhealthy proprio come i nostri avversari. Sarà un banco di prova decisivo per una squadra con tanti giovani come la nostra. Il Bayern? Ha un modo di giocare ben definito e cambierà poco. Dovremo essere bravi a tenere la palla e toglierla a loro. La prima delle due sfide è decisiva, la giochiamo in casa, sarà più importante domani che a Monaco. Pep ha trasmesso gli stessi concetti del Barca al Bayern. La filosofia è la stessa, stuff i giocatori diversi”.
“ZERO A ZERO? CI VA BENE” — “Non c’è da inventare molto: vincere o perdere lo decide il campo. Dobbiamo essere all’altezza sotto il profilo tecnico e tattico. Ma si gioca su due partite. L’anno scorso ho detto che avrei firmato per lo 0-0 e ho ricevuto un mare di insulti. Ma in casa, agli ottavi, mi sembra un risultato ottimo, al ritorno puoi giocare su due risultati. Credo che ci saranno molti gol, domani è molto difficile che finisca 0-0”.
EUROPA AMARA — “Non mi pare che le italiane abbiano avuto particolari problemi a livello europeo: l’unica un po’ in difficoltà è la Roma che ha perso 2-0, Napoli, Lazio e Fiorentina hanno pareggiato o perso di misura, sono ancora tutte in corsa per passare turno. Gli arbitri? Io dico sempre che gli italiani sono tra i migliori al mondo”.
PARLA BUFFON — “Sarà una partita complicata, rispettiamo il Bayern, una squadra fortissima, senza punti deboli. Anche noi siamo in crescita, rispetto a 3 anni fa siamo più consapevoli della nostra forza e della forza del Bayern. Tre anni fa ci rullarono con un doppio 2-0, ma non facemmo brutta figura. Negli ultimi 5-6 anni il Bayern domina in patria, a differenza nostra però è sempre arrivato almeno in semifinale di Champions, sono sul podio dei top team d’Europa. Il nostro obiettivo è cercare di andarci a giocare il ritorno con chances di passare il turno, sarebbe gratificante. È come se fosse una semifinale. Per gettare il cuore oltre all’ostacolo serve generosità e sana follia per osare. Questa Juve, in casa, può cercare la zampata”.
IMBATTIBILITÀ — Una sola rete subìta nel 2016, e ben 656 minuti di imbattibilità in campionato, nessuno in Europa come lui. Nemmeno Neuer: “Gioca in modo spregiudicato, è uno dei migliori, la colonna portante del Bayern. Ma mi vengono in mente anche Casillas, Cech e Kahn, andrebbero fatte riflessioni lunghe e approfondite e non figlie del momento. La Juve ha una grande fase difensiva, il che non vuol dire una grande difesa o un grande portiere. Tutta la squadra lavora bene”.
ALLEGRI? LA CERTEZZA — “Allegri ci ha dato le certezze di cui avevamo bisogno, questa squadra ha grande potenziale per un futuro importante. Il pareggio a Bologna? Nessuno vince sempre, è il bello dello sport. Se non dovessimo vincere lo scudetto e la Champions? Magari riusciremo ad alzare la Coppa Itala oltre alla Supercoppa, sarebbero due trofei. Se dovessimo arrivare punto a punto con il Napoli, giocandocela con il Bayern nel doppio confronto, non sarebbe andata malaccio. Il nostro dovere è giocare per vincere tutto. Guardiola a fine stagione andrà via? Successe anche con Heynckes e ci spazzarono via. Quindi preferisco pensare che Guardiola rimanga a vita al Bayern”.

di Alberto Mauro “Gazzetta dello Sport”

Share
Share