Hdrà apre le sue porte all’arte contemporanea

Share

mauro-lucchetti-hdraComunicare è un’arte. Ne è convinto il presidente di Hdrà, Mauro Luchetti, che nella sede romana della società di comunicazione integrata ha deciso di aprire le porte all’arte contemporanea mettendo a disposizione le sale di rappresentanza per il premio «L’Arte che Accadrà», a cura di Valentina Ciarallo, con opere di Flavio Favelli, Ludovica Gioscia, Goldschmied & Chiari, Marco Raparelli e Alice Schivardi.
Dal 18 ottobre al 18 dicembre la mostra a Palazzo Fiano, a piazza San Lorenzo in Lucina, permetterà di far nascere la collezione permanente d’arte contemporanea del gruppo: l’opera che vincerà sarà acquisita, infatti, da Hdrà. La scelta del vincitore sarà demandata a una giuria inusuale, coinvolgimento direttamente gli oltre 100 dipendenti che saranno a stretto contatto con le opere d’arte all’interno del loro ambiente lavorativo. «Una modalità di condivisione e di partecipazione collettiva specifica per un gruppo che vuole innovare», dice Luchetti. Il premio verrà attribuito a fine anno.

Gianfranco Ferroni, ItaliaOggi