Class Editori lancia MF Centrale Risk

Share

Una piattaforma per conoscere la propria posizione presso la Centrale Rischi della Banca D’Italia. In pochi secondi aiuta a leggere i dati di privati e aziende

BANKITALIA: RACCOLTA BANCHE OK, MA FRENANO PRESTITI A IMPRESEVolete sapere qual è la vostra posizione presso la Centrale Rischi di Banca d’Italia? Da ieri è online sul sito www.mfcentralerisk.it l’innovativa piattaforma che permette di leggere e monitorare in formato grafico i dati forniti dalla Centrale Rischi ai privati e alle aziende che ne fanno richiesta alla Banca d’Italia.
CentraleRisk Spa fa parte di Class Editori (che partecipa al capitale di questo giornale), che ne è il singolo maggiore azionista; la società è guidata dal suo fondatore, Massimiliano Bosaro e dal suo team.
La piattaforma di MF Centrale Risk permette a privati e aziende e ai loro delegati di compilare direttamente il modello per la richiesta alla Banca d’Italia della propria posizione presso la Centrale Rischi.
Una volta spedita via Pec la richiesta e ricevuto il file contenente i dati e i codici della Centrale Rischi, la piattaforma permette all’interessato di importare i propri dati «CR» e ottenere in pochi secondi il risultato dell’elaborazione, con una procedura che garantisce l’assoluta privacy del richiedente sia in fase di navigazione che di storage dei dati stessi.
Il vantaggio della piattaforma Mf Centrale Risk è quello di avere in pochi secondi dati comprensibili, attendibili ed interattivi sia in forma grafica sia tabellare, sia sul totale della posizione sia sullo spaccato banca per banca, evitando all’interessato l’analisi di un documento che può arrivare a 400 pagine e più, nel caso di rapporti bancari plurimi.
La piattaforma MF Centrale Risk, oltre che ai privati e alle aziende può essere utilizzata anche da associazioni di categoria, istituti bancari o consorzi Confidi che intendono offrire un servizio ai propri associati o clienti.
Le analisi di MF Centrale Risk si prestano a molteplici utilizzi sia per i diretti interessati, sia per i loro professionisti di fiducia, per il direttore amministrativo o finanziario o per i soci di un’azienda, persino per gli eredi interessati a verificare l’esistenza di debiti bancari o garanzie prestate sui beni dell’asse ereditario.
Utilizzando MF Centrale Risk, il direttore finanziario di un’azienda, piuttosto che quadrare i saldi contabili delle singole banche, potrà verificare velocemente con il semplice passaggio del cursore sullo schermo, se l’azienda è segnalata correttamente dalle banche con cui lavora, se è in caso di tensione o di sconfino sui fidi/anticipi, e potrà avere immediatamente e facilmente la visione delle garanzie ottenute o prestate e per quale importo.
MF Centrale Risk fornisce infatti in pochi secondi la durata dell’indebitamento ripartito tra breve e lungo termine, l’analisi temporale su come vengono utilizzati gli affidamenti e la presenza di tensione finanziaria come l’ammontare di utilizzi su fidi a revoca.
MF Centrale Risk può essere utilizzata anche da sindaci, revisori dei conti e curatori fallimentari o di altra procedura concorsuale legittimati a richiedere alla Banca d’Italia i dati della Centrale rischi dell’azienda da controllare.
In questo modo potranno agevolmente confrontare con i dati di bilancio quelli riguardanti l’esposizione dell’azienda con la singola banca, le eventuali garanzie che sta prestando l’azienda e a favore di chi, l’autoliquidante utilizzato per un confronto con i crediti anticipati e fatturato, eventuali crediti di firma, la presenza di strumenti derivati e il relativo credito vantato dalla banca nei confronti della controparte e gli insoluti.
«Siamo convinti che facilitare la lettura della Centrale Rischi per l’utente potrà, tra le altre cose, semplificare e migliorare la gestione dei rapporti con le Banche, contribuendo a migliorare la stabilità ed efficienza del Sistema», ha sottolineato Bosaro.
La Richiesta dei dati della Centrale rischi è fatta alla Banca d’Italia solo e unicamente dall’interessato e non da MF Centrale Risk: quest’ultima si limita ad analizzare il file fornito al richiedente o a un suo delegato dalla Centrale Rischi di Banca d’Italia (in formato complesso, perché pieno di codici). MF Centrale Risk non ha e non avrà mai accesso alla singola Centrale Rischi nominativa di cui fornisce l’analisi.

Italia Oggi