Su Rai Sport 57 c’era il vilipendio del calcio

Share

Cesare LanzaMartedì sera alle 23, canale Rai Sport 57, ho assistito al post partita della invereconda sconfitta subita dalla nazionale italiana in Germania. Uno show paracomico inaspettato: interferenze di musiche e scherzi, James Bond, canzoncine, etc. La Rai ha l’esclusiva della Nazionale e così se ne occupa! Non ha ancora capito che il calcio è un argomento sacro, in Italia, una messa cantata e, all’occorrenza, la predica di un prete qualificato? C’erano temi importanti, da ex cronista ve li indico volentieri: 1. Conte è ancora meritevole di guidare la Nazionale, non è meglio esonerarlo subito, visto che ha annunciato il suo addio sfacciatamente, due mesi prima del campionato europeo? É lo stesso «mister» che abbandonò la Juve qualche giorno prima dell’inizio del campionato… É affidabile? 2. Subito dopo la sconfitta per 4 – 1, lo stesso Conte ha detto di essere indeciso per molte convocazioni. Il presentatore Rai ha tentato tenacemente di discutere i ballottaggi, nonostante lo strepito e le interferenze ridicole da parte della regia. Non si è capito nulla. 3. Infine: anche i calciatori italiani più popolari per la loro combattività si sono battuti con fiacchezza, senza voglia e senza forze. È lecito (mal)pensare che i club siano intervenuti, raccomandando prudenza, alla vigilia del ritorno in campionato? Se (mal) pensare in Rai non si può, che diavolo, almeno discutere l’argomento. Queste sciatterie in Rai, servizio pubblico, e altrove, mi fanno accapponare la pelle. Non solo per le sciocchezze, ma soprattutto per il dilettantismo, l’inutilità. Se volete far ridere, almeno chiamate un Crozza o la signora Virginia Raffaele, che furoreggiò a Sanremo.

di Cesare Lanza, Italia Oggi