Eni non emette fatture per 2 anni e mezzo, Giudice di Pace fa risarcire utente di Formia

Share

eniNon le spediscono le bollette della luce e del gas a casa, così il giudice condanna l’Eni a risarcire una utente per il disservizio subito. E’ quanto accaduto ad una donna residente a Formia che – difesa dagli avvocati Pasquale Martellucci e Fabio Caruso – si è rivolta al giudice di Pace di Gaeta per chiedere un risarcimento per mancata fatturazione dei consumi di gas e luce come previsto dalla legge. La vittima del disagio ha infatti segnalato come a partire dalla sottoscrizione del contratto con Eni Gas e Luce, avvenuto nell’aprile del 2010, solo nel febbraio dell’anno successivo – 2011 – le veniva recapitata una maxi-fattura, per così dire “riepilogativa”, da quasi 300 euro per la fornitura di gas relativa a sei mesi, tra luglio e dicembre del 2010. E un’altra fattura di 220 euro ricevuta addirittura nel 2013 per consumi sempre del 2010. Come se non bastasse, la vittima del disservizio, ha anche comunicato nel 2012 ad Eni il mancato recapito delle fatture sollecitando l’invio delle fatture che restavano da pagare. Ma nonostante una risposta a parziale spiegazione di quanto accaduto, le fatture non sono mai arrivate. Ma l’inadempimento della società Eni non si riduce a questa mancata fatturazione, perchè contrariamente a quanto disposto dall’autorità garante,mai nessun tecnico è stato mandato nel periodo di riferimento ad eseguire le letture del contatore. Peraltro va ricordato a questo proposito che la fatturazione deve essere come minimo quadrimestrale e che ogni anno deve essere emessa almeno una fattura di conguaglio. In presenza di tali inadempimenti la normativa prevede il rimborso del 10 percento di ogni bolletta non emessa. Insomma per tutti questi motivi alla fine è arrivata la sentenza del giudice di Pace che ha rilevato “la mancata osservanza dell’obbligo contrattuale da parte della società convenuta di emissione delle fatture bimestrali dei consumi di gas all’attrice per ben quindici bimestri … pertanto dichiara la responsabilità della società convenuta per inesatto adempimento contrattuale e per lo effetto la condanna al pagamento in favore dell’attrice quale indennizzo automatico per mancata fatturazione …”

H24notizie