Rai Sport, dalla Gazzetta arriva Pier Bergonzi alla vicedirezione

Share

CARLO VERDELLIDa un lato c’è la Gazzetta dello Sport che continua a perdere i suoi pezzi migliori. Dall’altro una Rai Sport in procinto di essere rivoltata come un calzino dal nuovo direttore Gabriele Romagnoli. Ma andiamo con ordine: il quotidiano sportivo di Rcs,  dopo aver perso in estate la sua prima firma del calcio Paolo Condò, che ha preferito i più tranquilli lidi di Sky, ora lascia andare anche il vicedirettore Pier Bergonzi (ex prima firma del ciclismo e poi pure caporedattore centrale), che saluta la Gazzetta dopo 25 anni di onorato servizio per andare a fare il vicedirettore di Rai Sport con delega sul ciclismo. Bergonzi è stato chiamato in Rai direttamente da Carlo Verdelli, direttore editoriale per l’offerta informativa della tv pubblica, che in passato aveva avuto modo di apprezzarne le qualità durante la sua direzione alla Gazzetta dello sport (dal 2006 al 2010). Sul fronte Gazzetta c’è ovviamente il dispiacere per l’addio di un collega prestigioso che era nel giornale da un quarto di secolo, ma pure, un po’ cinicamente, la consapevolezza che si andrà a risparmiare su uno stipendio molto pesante, tenuto conto che al quotidiano diretto da Andrea Monti rimangono comunque altri quattro vicedirettori (il vicario Gianni Valenti, e poi Stefano Cazzetta, Andrea Di Caro e Umberto Zapelloni). Vicedirettori che ovviamente non mancano neppure a Rai Sport, dove negli anni le nomine e i gradi si sono concessi con generosità e per mille motivi. Verdelli e Romagnoli, però, hanno sin da subito fatto intendere che le cose cambieranno. E per cambiarle necessitano di uomini di fiducia che arrivino dall’esterno. Di qui, in primis, la nomina dello stesso Romagnoli, grande narratore e uomo molto lontano dalle logiche Rai. Che verrà affiancato da due vicedirettori anch’essi chiamati da fuori. Uno è, appunto, Pier Bergonzi. L’altro deve ancora essere deciso. L’obiettivo finale del duo Verdelli-Romagnoli è sostanzialmente quello di azzerare quella Rai Sport vecchia e ferma al Novecento evocata dai vari Enrico Varriale, Marco Mazzocchi, Bruno Gentili, Auro Bulbarelli e co., per entrare finalmente a gamba tesa nel 21esimo secolo con freschezza, tecnologia, pathos e racconto. Bisogna dare un senso ai canali tv Rai Sport 1 e Rai Sport 2, che da anni hanno ascolti deludenti. E non è un caso che siano già state commissionate, per esempio, molte puntate del programma Sfide da dedicare agli Europei di calcio in Francia e alle Olimpiadi di Rio de Janeiro. D’altronde, basta dare un occhio alla trasmissione Novantesimo Minuto alla domenica pomeriggio su Rai Due, dove uno degli opinionisti fissi è l’arzillo ottantenne Gianpaolo Ormezzano (di cui a fatica si seguono i ragionamenti), per comprendere come per Romagnoli non sarà difficile fare meglio del suo predecessore, Carlo Paris.

Claudio Plazzotta, Italia Oggi