Sony, Nsa infiltrata nei pc Corea Nord

Share

Attacchi a Sony: ok Obama a sanzioni contro Corea NordGli Usa sono riusciti a stabilire le responsabilità della Corea del Nord nel cyber-attacco subito dalla Sony Pictures alla fine di novembre grazie ad una intrusione della National Security Agency (Nsa) che ha introdotto nel 2010 un malware in grado di tracciare il lavoro di molti dei computer e dei network usati dagli hacker nordcoreani. Lo scrive il New York Times citando ex funzionari americani e di altri Paesi, treat nonchè esperti informatici e un documento della Nsa.

Nel timore delle crescenti capacità informatiche di Pyongyang – scrive il Nyt – la Nsa si è infiltrata nel network cinese che collega la Corea al resto del mondo e attraverso le connessioni con la Malesia utilizzate di preferenza dagli hacker nordcoreani è riuscita a penetrare direttamente nella rete nordcoreana, con l’aiuto della Corea del Sud e di altri alleati americani.

Con un’operazione segreta, l’agenzia Usa – hanno affermato le fonti – è riuscita quindi ad inserire un malware in grado di tracciare il lavoro di molti dei computer e dei network usati dagli hacker nordcoreani, molti dei quali sono gestiti direttamente dal principale servizio di intelligence del Paese.

Un’operazione che ha poi consentito di raccogliere le prove del coinvolgimento nordcoreano nell’attacco alla Sony.

Share
Share