Fca investe 280 mln di dollari nella jv con Tata Motors per produrre la Jeep in India

fca
Share

fcaFiat Chrysler Automobiles ha intenzione di investire 280 milioni di dollari (oltre 252 mln di euro) circa nella joint venture produttiva con Tata Motors Fiat India Automobiles Private Limited.
L’investimento è destinato all’impianto di assemblaggio di Ranjangaon, pharm nello Stato dell’India occidentale del Maharashtra, for sale e a supportare la produzione di un nuovo veicoli del marchio Jeep. Fca prevede di avviarne la produzione nella fabbrica indiana nel secondo trimestre del 2017.
L’annuncio odierno “rappresenta un passo importante mentre continuiamo ad ampliare la disponibilità dei prodotti Jeep in tutto il mondo”, ha commentato l’amministratore delegato di Fca, Sergio Marchionne. “Ad inizio anno, abbiamo definito il 2015 come un anno di trasformazione nella globalizzazione del brand e questo annuncio rafforza il nostro impegno”. “Siamo lieti che questo annuncio rafforzerà la presenza di Fca in India e siamo convinti delle capacità della joint venture di produrre veicoli di classe mondiale come quelli contraddistinti dal leggendario logo della Jeep”, ha aggiunto Marchionne.
Per aumentare ulteriormente la presenza internazionale di Jeep, brand capace nel 2014 di superare la soglia del milione di vetture vendute in tutto il mondo e di aggiornare per il terzo anno consecutivo il proprio record storico di vendite, Ranjangaon sarà il quarto impianto all’estero del marchio statunitense. I veicoli Jeep sono attualmente prodotti, oltre che negli Usa, anche in Italia, Brasile e a partire dal quarto trimestre in Cina.