Mercato tablet crolla, appena +7,2% nel 2014

Share

Nel 2013 ha registrato +52,5%,  giù le vendite di iPad

Il mercato mondiale dei tablet chiuderà il 2014 con una crescita del 7,2%, molto lontana dal +52,5% del 2013. La stima viene dai ricercatori di Idc, secondo cui il 2014 sarà il primo anno in cui le vendite di iPad diminuiranno, con un calo del 12,7%. A incidere sul rallentamento è in generale il ciclo di vita dei tablet, che può anche superare i 4 anni, più lungo di quello degli smartphone che invece tendono ad essere sostituiti ogni 2-3 anni.
Le vendite previste saranno di 235,7 milioni di unità, di cui 119,3 milioni nei mercati emergenti (+11,5%) e 116,4 milioni nei mercati maturi (+3,2%). Per il 2018 si attendono vendite pari a 285,9 milioni di unità, con 149,4 milioni nei mercati emergenti e 136,6 milioni nei mercati maturi. A livello di sistema operativo, quest’anno saranno venduti 159 milioni di tablet Android, 64,9 milioni di iPad e 10,9 milioni di dispositivi equipaggiati con Windows.
”Alla nascita di questo mercato ci si aspettava che il ciclo di vita dei tablet sarebbe stato simile a quello dei telefonini, ma molti possessori di tablet tengono lo stesso dispositivo per più di tre anni, a volte anche più di quattro anni”, spiega l’analista Ryan Reith. A prolungare il ciclo di vita dei tablet, prosegue, sono due fattori: la compatibilità delle applicazioni con i dispositivi più vecchi, soprattutto per quanto riguarda gli iPad, e il crescente uso dello smartphone per attività tipiche del computer”.

Ansa