L’Istat informa: “A luglio, calo dell’export”

Share

L’Istat stima, a luglio 2018, un calo delle esportazioni del 2,6% da giugno ma un aumento tendenziale su base annua del 6,8%. Le importazioni sono invece in crescita sia sul mese (+2,4%) sia sull’anno (+10,8%). La flessione congiunturale dell’export è dovuta prevalentemente ai mercati extra Ue (-5,5%) mentre l’area Ue segna -0,4%. L’aumento dell’export su base annua coinvolge sia l’area Ue (+8,5%) sia i paesi extra Ue (+4,8%). I settori che trainano la crescita tendenziale dell’export a luglio sono metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (+12,4%), macchinari e apparecchi n.c.a.
(+7%), prodotti petroliferi raffinati (+41,6%) e mezzi di trasporto, esclusi autoveicoli (+12%). Sono in diminuzione, su base annua, le esportazioni di autoveicoli (-6,0%) e articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (-2,8%).
I paesi che contribuiscono maggiormente all’incremento dell’export sono Francia (+11,9%), Germania (+9,0%), Svizzera (+14,4%) e Spagna (+8,7%).

ANSA

Share
Share