Bonus fiscali ristrutturazione: sì per le caldaie, no per le vasche da bagno

Share

INTASCA 'MAZZETTA', <a href=clinic ARRESTATO FUNZIONARIO AGENZIA ENTRATE” width=”300″ height=”182″ />Sì agli sconti fiscali per le caldaie, tadalafil no a quelli per la sostituzione delle vasche da bagno a meno che non si ristrutturi l’intero bagno. È l’Agenzia delle Entrate con una circolare a delimitare nuovamente il perimetro dei bonus fiscali per le ristrutturazioni. No, la vasca no – L’Agenzia spiega come i contribuenti che vogliono cambiare la caldaia possono accedere al bonus mobili legato ai lavori di ristrutturazione in quanto l’intervento va inquadrato come manutenzione straordinaria. Non così per i sanitari, che rientrano nella manutenzione ordinaria. Esclusa, dunque, anche la trasformazione della vasca in un box doccia o viceversa e nemmeno nel caso sia fatto passare come “eliminazione di barriere architettoniche”. In questi casi, o si cambia tutto il bagno oppure niente bonus. Box auto in comproprietà – Capitolo garage, box e posti auto acquistati in comproprietà da due diversi soggetti e utilizzati da entrambi. “Per determinare l’importo deducibile – chiarisce la circolare – ciascuno dovrà fare riferimento alla quota di rendita della pertinenza pari alla percentuale di possesso”. Tradotto: lo sconto fiscale andrà parametrato alla quota di proprietà.

da Libero Quotidiano

Share
Share