Le elezioni si vincono con il web

Share

Cesare LanzaCome sono cambiate le campagne elettorali? Antonio La Trippa si affacciava alla finestra, Fantozzi sprofondava sul divano di casa davanti ai dibattiti, Cetto La Qualunque trionfava nei comizi. Più o meno, le cose si sono evolute così. Per quanto riguarda la tv Paolo Villaggio è stato presago, con più di trent’anni di anticipo. Infuriano oggi i talk show, il chiasso è assordante e azzera ogni idea, non solo le stupidaggini, ma anche i rarissimi lampi di intelligenza. I giornali di carta stampata ci frastornano con fasulle noiosità e banalità, i telegiornali sono reticenti… Un disastro progressivo, ma con una novità stupefacente. Le elezioni, oggi, si vincono su Internet. Il primo a capirlo, con una formidabile intuizione, è stato il guru del Movimento di Beppe Grillo, il compianto Casaleggio: l’affermazione di M5S si è delineata, si è sviluppata ed è esplosa sul web. La gran parte dei personaggi e delle personcine (molto più numerose dei personaggi) è rimasta, invece, ottusamente indietro. Non ha capito che, grazie al web, chiunque può essere un giornalista, un comunicatore, un opinionista, un aggregatore! Per di più, in presa diretta, all’istante. Grazie a Internet e ai social network. Mi hanno detto che la carriera di Anna Finocchiaro, tanto autorevole da essere prima e dopo candidata al Quirinale, è stata bloccata da un tassista. Come mai? Il tassista la sorprese mentre, all’Ikea, era scortata da due guardie del corpo, che l’assistevano con i carrelli per fare la spesa: sparò un tweet su Internet, subito si accese un finimondo.

Cesare Lanza, Italia Oggi

Share
Share