SCHERI (GIANCARLO)

Share

SORPRESA RETEQUATTRO
QUALITA’ FA RIMA CON FELICITA’.
FARE ASCOLTI SENZA RINUNCIARE ALLA CULTURA : E’ L’OBIETTIVO DI GIANCARLO SCHERI DIRETTORE DELLA RETE MEDIASET, CHE ANTICIPA : L’ANNO PROSSIMO LANCEREMO TRASMISSIONI SUI LIBRI E SUL CINEMA

scheri

INTERVISTA DI CESARE LANZA SU “CAPITAL”

E’ un romano atipico, nel senso che è un lavoratore accanito e predilige toni e modi understatement, sembra un personaggio di “Beautiful”, non a caso da ragazzo ha fatto l’attore e il fotomodello. E’ appassionato d’arte e di teatro, dipinge, ha giocato a pallavolo. Si chiama Giancarlo Scheri, ha 40 anni, dirige Rete 4 (entrò nel gruppo per concorso) da gennaio 2001, è uno dei protagonisti della Mediaset vincente affidata da due anni a Pier Silvio Berlusconi.
Scheri si propone di realizzare un obiettivo comunemente considerato (quasi) impossibile, in televisione: coniugare la qualità dei programmi con la felicità degli ascolti. Con un linguaggio accessibile a chiunque e con una pruderie culturale quanto meno inconsueta nel mangement televisivo, abitualmente ossessionato dallo share e dalle conseguenze sulla pubblicita. Gli chiedo qualche esempio di programmi inseriti o inseribili in questo tipo di strategia.
“A parte Mike Bongiorno, maestro intramontabile di intrattenimento di buona
fattura, e Alessandro Cecchi Paone, in prima linea nella divulgazione scientifica, o Forum, intramontabile con il suo 20%, il 31 ottobre partirà Al Bano: al mercoledi sera, cinque puntate in formula one man show. Con ospiti di classe come Gianni Morandi, ma con un budget assai lontano da quelli concessi a un Adriano Celentano, riferimento obbligato per questo tipo di formula. Eppure un programma con forti ambizioni, in relazione alle aspettative stabilite per Rete 4, che deve assicurare un 8% di share.”
– E con Al Bano cosa contate di fare?
“Ci proponiamo di arrivare al 12%”.
– Poi…
“Un altro buon esempio di divulgazione popolare è il programma di Iva Zanicchi,
bravissima. “Sembra ieri”: la storia raccontata attraverso episodi di costume, protagonisti rappresentativi di un’epoca, presenti nella nostra memoria.”
– Iva Zanicchi, proveniente dai giochi e dal varietà, diventa di colpo il simbolo di una innovazione quasi imprevedibile.
“Penso che con un approccio aperto, privo di diffidenze, esistano spazi interessanti di innovazione, sia nell’area culturale sia nel varietà. Con la “Macchina del Tempo” di Cecchi Paone usciremo dallo studio, cercando un racconto divulgativamente più incisivo e coinvolgente: vogliamo indidivudare meccanismi di immedesimazione più immediati per il telespettatore invitato a seguire, che so, la storia di Archimede o la storia di Venezia.”
– E il varietà?
“Non penso affatto che sia morto, come si dice spesso, un po’ sbrigativamente. Come
succede per qualsiasi cosa in una società frenetica e in continuo sviluppo, anche il vecchio varietà deve essere ripensato strutturalmente, deve evolversi…”
– E le soap? Non rischiano invece di dare l’immagine di una rete attaccata immutabilmente al palinsesto gradito da un target anziano?
“Intanto chiamiamole, com’è giusto, sceneggiati. E non è vero che è un prodotto per soli anziani: piacciono anche a fasce di pubblico giovane e di profilo culturale e professionale alto. Non condivido il pregiudizio. Certo gli ascolti (con “Terra Nostra” al 12, 13%) sono la testimonianza di un interesse saldo, importante, nella contesissima fascia preserale. E i telespettatori affezionati non sono sciocchi. Le produzioni di Rede Globo sono di alta fattura, di confezione ottima, per quanto attiene alla tecnica. Ma c’è anche un valore cultural/popolare di rilievo. Con “Terra Nostra” si fa conoscere la storia di un Paese… La gente segue non solo il racconto di sentimenti e passioni, ma scopre la storia, il costume, le tradizioni di un’epoca nelle forme più facili.”
– La nuova soap, mi scusi… il nuovo sceneggiato in arrivo?
“La forza del desiderio, con Sonia Braga.”
– Altri motivi di soddisfazione, nei primi nove mesi di direzione?
“Vorrei piuttosto esprimere, educatamente, un piccolo risentimento.”
-Dica.
“Rai 3 ha avuto un buon successo, meritato, con il suo programma di storia. Ma anche
il nostro programma di storia (altro esempio di buona risposta di pubblico per una proposta d’impegno, abbiamo fatto il 10% di share, due punti di più della media richiesta per la rete)
è andato al di là delle più rosee previsioni…Eppure Rai 3 ha ottenuto un eccesso di elogi, considerando che ci sarebbe l’obbligo del servizio pubblico, e per noi neanche una parola, o quasi, di attenzione. Sinceramente e candidamente: non è giusto e mi dispiace.”
– Usciamo dalla valutazione dei programmi. Chi sono, secondo lei, i maestri della
televisione oggi in Italia?
“Guardi, io ho avuto la fortuna di lavorare con tre grandissimi facitori di televisione, Mike Bongiorno, Pippo Baudo e Maurizio Costanzo. Loro “sono” la televisione. E io non posso prescindere da questi tre nomi, fondamentali nella mia preparazione professionale. Pippo su Rai 3, con Novecento, ha fatto una cosa bellissima, che sarebbe stata molto adatta anche al pubblico di Rete 4.”
– Altri nomi.
“Paolo Bonolis, il purosangue di questi anni. Ma poi vorrei citare sempre i “miei”, Cecchi Paone, Iva Zanicchi, il bravissimo Mengacci. E Loretta Goggi, grande professionista, che ha ancora molto da dare.”
– Non le sembra che, più o meno, sono sempre gli stessi nomi a girare? Mi dica quali sono, a suo parere, i volti più promettenti, nella fascia dei trentenni, under 40.
“ Paola Cortellessi, Tamara Donà, la Littizzetto. Soprattutto Alessia Marcuzzi, di forte personalità, versatile, immediatamente simpatica. Meno novità tra gli uomini: Mammuccari in primissima fila, direi.”
– In sintesi, qual è il suo ideale di televisione?
“Raccontare, comunicare, divulgare, trasmettere emozioni, attraverso i protagonisti e
testimonianze vere, coinvolgenti.”
– E, ora, i progetti più intriganti?
“A gennaio, spero, partiremo con due programmi di grande difficoltà e ambizione sul piano culturale. Il primo è dedicato ai libri, il riferimento è sempre il mitico francese Apostrophe. Il secondo è un magazine dedicato al cinema. Per tutti e due stiamo cercando conduttori in grado di coinvolgere il pubblico senza vezzi e narcisismi intellettualistici, ma con capacità di penetrazione divulgativa.”
– Insomma, immaginando un titolo o uno slogan, lei è l’uomo che vuole portare la cultura in televisione.
“Mamma mia. Diciamo, più umilmente: “anche” un po’ di cultura.”

Ottobre 2001

Be the first to comment on "SCHERI (GIANCARLO)"

Leave a comment

Share
Share