Lavoro, Istat: a settembre -330mila occupati rispetto a febbraio

Share

Sempre nel mese di settembre il tasso di disoccupazione scende al 9,6% e tra i giovani al 29,7%

A settembre è stato registrato un numero di occupati inferiore di 330mila unità rispetto a quello di febbraio 2020. Lo rende noto l’Istat sottolineando che rispetto ad agosto tuttavia la situazione risulta sostanzialmente stabile, con un aumento di 6mila unità e il recupero di un decimo di punto del tasso di occupazione, salito al 58,2%.

Il livello di occupazione nel terzo trimestre 2020 è superiore dello 0,5% a quello del trimestre precedente, registrando un aumento di 113mila unità. Nel trimestre crescono anche le persone in cerca di occupazione (+18,1% pari a +379mila) e calano gli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-3,7% pari a -521mila unità).

Disoccupazione scende a 9,6%, tra giovani al 29,7%Nel mese di settembre il tasso di disoccupazione scende al 9,6% (-0,1 punti) e tra i giovani al 29,7% (-1,7 punti). 

 “L’economia italiana, dopo la forte contrazione registrata nella prima metà dell’anno per gli effetti economici dell’emergenza sanitaria registra un consistente recupero nel terzo trimestre, misurato da una crescita congiunturale del Pil pari a 16,1%”, ha spiegato l’Istat che ha diffuso la stima preliminare del Pil del III trimestre del 2020. Secondo l’Istat “la ripresa è diffusa a tutti i comparti economici e dal lato della domanda è trainata sia dalla componente nazionale (al lordo delle scorte), sia dalla componente estera”. 

Tuttavia, “a causa delle flessioni dei precedenti due trimestri dell’anno, nel confronto con il terzo trimestre del 2019 la variazione resta negativa nella misura del 4,7%. Il marcato recupero del terzo trimestre riporta il volume del Pil ai livelli registrati nella prima metà del 2015”. 

Tgcom24

Share
Share