L’app Immuni è a 9 milioni e mezzo di download, ma le nuove installazioni calano drasticamente

Share

Il nuovo traguardo è significativo, ma il ritmo dei nuovi download dell’app Immuni sta calando. All’inizio del mese di ottobre l’app veniva scaricata da 150mila nuovi utenti ogni giorno, mentre le cifre dell’ultimo periodo oscillano tra un terzo e un sesto dei risultati fatti registrare poche settimane fa.

Nel pieno della seconda ondata di contagi da coronavirus, uno degli strumenti potenzialmente più utili per arginare il diffondersi della pandemia sta continuando a riscuotere un certo successo, anche se in misura minore rispetto alle scorse settimane. Si tratta dell’app Immuni, che pur al centro di numerose e anche recenti polemiche viene scaricata un numero sempre maggiore di volte e si avvia spedita verso i 9 milioni e mezzo di download.

I dati li fornisce ormai su base quotidiana la pagina allestita dai gestori di Immuni nel portale dedicato all’app. Il grafico a disposizione ad oggi parla di 9.464.105 di download ma è fermo al 28 ottobre; considerando che il tasso di nuove installazioni oscilla ormai stabilmente tra le 20.000 e le 50.000 unità al giorno, si può supporre che la soglia dei 9 milioni e mezzo sia ormai stata superata. Come chiarisce il grafico, il numero si riferisce a utenti unici: al suo interno non è conteggiato chi ha effettuato un nuovo download per aggiornare l’app, né chi l’ha disinstallata per poi reinstallarla.

Il dato resterà difficile da interpretare finché il governo non fornirà il numero di utenti che utilizzano quotidianamente l’app: tra i 9 milioni e mezzo di download c’è infatti un numero ignoto di persone che hanno deciso di disinstallare Immuni e che non contribuisce più dunque al tracciamento dei contagi. Il ritmo dei nuovi download inoltre è calato: il grafico ospitato sul sito dell’app mostra solo le installazioni settimanali, ma se includesse i dati immagazzinati da inizio settembre evidenzierebbe una netta flessione, dal momento che solo a inizio ottobre le nuove installazioni erano più di 150.000 al giorno.

A dare fiducia a coloro che stanno ancora decidendo se scaricare Immuni oppure no potrebbe contribuire il fatto che l’app è destinata a farsi sempre più utile grazie a due nuove misure adottate dal governo negli scorsi giorni. La prima è costituita dall’obbligo per gli operatori sanitari di inserire nel sistema Immuni i codici di attivazione per il meccanismo di segnalazione che vengono comunicati loro dai nuovi positivi. La seconda è stata annunciata nelle scorse ore: si tratta di un call center che i nuovi positivi possono chiamare per accertarsi che la loro positività venga segnalata al sistema, e che può essere contattato anche da coloro che vengono allertati dall’app per sapere qual è il modo migliore di muoversi.

FanPage

Share
Share