Raspelli Magazine, da sabato online il nuovo numero

Share

Da sabato è online la nuova pubblicazione gratuita mensile   RASPELLI MAGAZINE: le eccellenze eno-gastronomiche del Belpaese, raccontate in 64 pagine dal giornalista Edoardo Raspelli, il “cronista della gastronomia” ,da cui la testata prende nome. Ristoranti e attività ricettive, storie di cuochi, eventi enogastronomici, trovano spazio nelle pagine del magazine. Il tutto è nato tra il milanese Edoardo Raspelli e la ABCDesign99 di Stefano Piavani, nell’ufficio di Romano di Lombardia (Bergamo). Dopo l’editoriale c’è  il racconto della prova diretta fatta da Raspelli in quattro ristoranti , con le foto fatte dallo stesso critico ai piatti da lui assaggiati come sempre da “inatteso cliente qualunque pagante”: Hôtel Belvedere Wellness & SPA (a Mozzio di Crodo, Verbano Cusio Ossola), La Posta (alla Spezia), Guido (a Rimini), Nìcolo (a Carloforte, Carbonia Iglesias). Grandi fotografie anche per i quattro alberghi testati e raccontati. In questo nuovo numero: il Majestic (a Verbania), il Grand Hôtel Alassio (ad Alassio, Savona), il Torretta (a Predazzo, Trento), il Vittoria ( a Pesaro). Poi si raccontano gli eventi cui Edoardo Raspelli ha partecipato in queste ultime settimane o si commentano le notizie più significative o più curiose di quest’ultimo mese:
– CECINA ( Livorno) – 2.000 spettatori per le 3 serate di #RACCONTANDOCI con Sergio Staino , Patrizio Roversi ed Edoardo Raspelli.
– MILANO MARITTIMA (Ravenna) – Il Vip Master di Tennis rinviato al 2021. In questo nuovo numero di RASPELLI MAGAZINE c’è come in precedenza la rubrica “Edoardo Raspelli in copertina” con alcuni degli articoli che parlano del “cronista della gastronomia” (Libertà, Formaggi&Consumi, Salumi&Consumi, Il Tirreno, La Verità, Italia Oggi, Cronaca Vera, Libero, Pro Loco di Piasco, Cuneo).
Anche in questo  numero , poi, un occhio particolare alla leggerezza, con le ricette di Maura Anastasia ed il verde in “Meraviglie della Natura”. In questo numero il Parco Ittico Paradiso Villa Pompeiana (a Zelo Buon Persico, Lodi) e la torta di carote e mandorle.

Share
Share