Poste, taglio bonus e solidarietà

Share

Con azienda sostegno a istituzioni e colleghi colpiti da contagi

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è poste-italiane.jpg

“Su base volontaria i dirigenti” di Poste Italiane “potranno donare parte della propria retribuzione lorda e giornate di ferie”, e “l’azienda, a fronte della disponibilità manifestata dai dirigenti, integrerà le donazioni con un proprio contributo”. Lo prevede un accordo sottoscritto dall’azienda “con Assidipost-Federmanager sulle iniziative di sostegno nei confronti delle Istituzioni maggiormente impegnate nell’emergenza sanitaria e nei confronti dei colleghi, e delle loro famiglie – colpiti dal contagio”. Poste ha parallelamente “deciso di decurtare il 50% del bonus MBO 2020”, i premi aziendali legati al raggiungimento di obiettivi, “per tutto il proprio management, oltre 1300 beneficiari”: una scelta – spiega l’azienda – “in linea con i valori di solidarietà, vicinanza alle persone e attenzione alla sostenibilità aziendale, più che mai necessari in questa fase, e tenendo conto dello sforzo collettivo senza precedenti in cui è impegnato l’intero Paese”.


ANSA

Share
Share