Invitalia, continua il “Resto al Sud Hackathon Tour”

Share

Stimolare ed accelerare idee e proposte imprenditoriali per lo sviluppo del territorio con gli incentivi di Invitalia (nella foto, l’a. d. Domenico Arcuri), primo tra quelli in portafoglio Resto al Sud, per trovare giovani aspiranti imprenditori che vogliano avviare un’attività imprenditoriale in settori strategici e innovativi, come ad esempio Salute e Welfare, Ambiente, Turismo Sostenibile, Agritech e Foodtech. E’ questo l’obiettivo della terza tappa del “Resto al Sud Hackaton Tour” promosso da Invitalia, in partnership con  l’Università Alma Mater Studiorum di Bologna.

Il 28 ottobre 2020 parte la call rivolta ai laureati, laureandi e studenti dell’Università Alma Mater Studiorum di Bologna, tra i 18 e i 35 anni, con idee di impresa da perfezionare nel corso dell’Hackathon che si svolgerà il 18 e il 19 novembre in modalità digitale. 

Le proposte progettuali selezionate parteciperanno a una vera e propria full immersion in cui un team di mentor lavorerà insieme agli startupper con un approccio “open innovation” per accelerare lo sviluppo dei progetti e accompagnare i team davanti alla giuria di esperti che sceglierà il vincitore.

In palio ci sono servizi per l’accrescimento delle competenze e lo sviluppo del business presso partner di comprovata esperienza.

Share
Share