Fincantieri, memorandum of understanding con il cantiere indiano di Cochin

Share

 Fincantieri, nella foto l’a. d. Giuseppe Bono, tra i primi gruppi cantieristici al mondo, ha sottoscritto un memorandum of understanding (MoU) con Cochin Shipyard Limited (CSL), primo costruttore navale indiano.
Con questo accordo Fincantieri rafforza la propria presenza nel Paese, dando ulteriore impulso al rapporto di lunga durata con il gruppo governativo CSL, che dispone di stabilimenti sia sulla costa indiana occidentale che su quella orientale. Fincantieri, infatti, segue da tempo il programma di rinnovo e di espansione della flotta della Marina militare indiana, considerando strategico quel mercato. Il gruppo in passato ha stipulato con CSL, a cui la Marina militare indiana ha affidato la costruzione della portaerei “Vikrant”, contratti per la progettazione e l’integrazione dell’apparato motore dell’unità, e per la fornitura di servizi complementari. Successivamente Fincantieri ha consegnato alla Marina indiana “Deepak” e “Shakti”, due navi rifornitrici di squadra (“fleet tanker”), oltre ad aver realizzato “Sagar Nidhi”, una nave oceanografica per il National Institute of Ocean Technology (NIOT). L’intesa stabilisce i principi per la collaborazione in numerosi ambiti: progettazione, procurement e costruzione in loco di nuove unità navali per il mercato della Difesa Indiana; produzione in loco e marketing di prodotti meccanici (quali eliche di propulsione, linee d’assi, sistemi di stabilizzazione, timoneria, eliche di manovra e azimutali);
automazione navale; riparazioni navali; training del personale indiano e consulenze di Fincantieri nel design o nei processi di costruzione o di ammodernamento del cantiere.
Il MoU sarà seguito da una serie di accordi di dettaglio, che descriveranno di volta in volta i rispettivi ruoli e lo scopo di fornitura, da cui potranno derivare vantaggi per molteplici aree del gruppo Fincantieri, a partire dalla Divisione Navi Militari e quella di Sistemi e Componenti, ma anche per Seastema, Vard Marine e Fincantieri India. 

Share
Share