Intesa-Ubi: dopo proroga Opas Consob, Codacons diffida Ubi Banca a fornire informazioni corrette ad azionisti

Share

Dopo la decisione della Consob di prorogare di due giorni la scadenza dell’Opas lanciata da Intesa SanPaolo, il Codacons (nella foto, il presidente Carlo Rienzi) – che sul caso aveva presentato proprio un esposto alla Commissione – diffida oggi Ubi Banca a fornire informazioni corrette, trasparenti e imparziali ai propri azionisti, allo scopo di garantire scelte consapevoli e autonome ai risparmiatori.
Nei giorni scorsi avevamo presentato una istanza alla Consob denunciando le informazioni fuorvianti fornite ai risparmiatori e in grado di alterarne le scelte economiche – spiega l’associazione – Anche la Commissione, nel concedere due giorni in più per concludere l’operazione, ha sottolineato la necessità per gli azionisti di Ubi Banca “di disporre di un’informativa completa e corretta per un adeguato periodo di tempo”.
Il Codacons con spirito di assoluta imparzialità chiede oggi a Ubi di spiegare in modo semplice e comprensibile anche ai non addetti ai lavori perché non sarebbe conveniente aderire all’Opas aumentando il valore di mercato delle proprie azioni, e ricorda a tutti gli azionisti che alla pagina https://codacons.it/intesa-san-paolo-ubi-banca/ è stata pubblicata una guida che spiega in modo esaustivo tutti i dettagli dell’operazione. Uno staff di esperti è inoltre disponibile per info e assistenza al numero 89349955.

Share
Share