Fase 2, Conte si difende: “Non ci sono condizioni per ripartenza normale”

Share

Dopo il nuovo DPCM che di fatto allenta ma non elimina le restrizioni dopo il 4 maggio, non sono mancate le critiche di quanti hanno rimproverato al Governo di tenere ancora una linea eccessivamente prudente

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è giuseppe-conte-2.jpg

Per la prima volta dallo scoppio dell’emergenza coronavirus, il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, visita la Lombardia: prima tappa la Prefettura a Milano, dove si è recato rigorosamente con la mascherina, per incontrare il Prefetto di Milano, Renato Saccone, il Sindaco Giuseppe Sala, il Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, e Carlo Bonomi, neo Presidente di Confindustria.

“La mia presenza qui in Lombardia avrebbe creato intralcio nella fase più acuta dell’emergenza sanitaria”, ha risposto così a chi gli domandava perchè non si fosse recato prima nella zona d’Italia più duramente colpita dalla crisi. Il giorno dopo il nuovo DPCM che di fatto allenta ma non elimina le restrizioni dopo il 4 maggio, non sono, infatti, mancate le critiche di quanti hanno rimproverato al Governo di tenere ancora una linea eccessivamente prudente. “Tutti speravano di tornare presto alla normalità ma non ci sono le condizioni per tornare alla normalità, ce lo dobbiamo dire in modo chiaro e forte”, ha chiarito Conte in un messaggio che sembra una risposta indiretta alle polemiche.

In realtà, una fase due, già ribattezzata da molti la fase uno e mezzo. Ma Conte difende l’operato dell’esecutivo. “Stiamo facendo tanti sacrifici, non è questo il momento di mollare, di un liberi tutti. Questo Governo non cerca consenso, vuole fare le cose giuste anche se ciò potrebbe scontentare i cittadini”.
“Lavoreremo per definire un protocollo di massima sicurezza per garantire a tutti i fedeli di partecipare alle celebrazioni liturgiche, contiamo di definire questo protocollo in pieno spirito di collaborazione con la Cei”, ha poi chiarito con riferimento al “rimprovero” della Conferenza Episcopale Italiana.

Al termine della riunione il Presidente del Consiglio si recherà a Bergamo e a Brescia, poi “già questa sera vorrei passare a Codogno e Lodi”, come lui stesso ha anticipato.


Libero.it

Share
Share