Pietrabbondante

Share

Cesare Lanza alla scoperta delle particolari bellezze italiane

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è pietrabbondante.jpg

Oggi vi propongo un borgo a 30 chilometri circa da Isernia: Pietrabbondante. Cento metri di altitudine settecento abitanti. In origine, ai tempi degli antichi romani, il borgo si chiamava Bovianum Vetus. Nell’ottavo secolo il paese divenne Petra Habundante, infine il nome che conosciamo. Non sono chiari i motivi perché il borgo abbia un nome così originale. Nel sesto secolo avanti cristo, il borgo fu territorio di conquista dei sanniti, uno dei popoli più potenti dell’Italia centrale che riuscii a spadroneggiare fino all’arrivo dei romani. Del dominio dei sanniti restano tracce nell’architettura del paese, che vi consiglio di scoprire. A Pietrabbondante fate una capatina al Teatro e al Tempio sannitico, entrambi costruiti tra il primo e il secondo secolo avanti Cristo: si trovano, in zona Calcatello, sul pendìo del monte Saraceno. Sono elementi di un imponente luogo di culto sannitico, che era costituito, oltre che dal tempio e dal teatro, anche da due edifici porticati.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Pietrabbondante-1.jpg

In estate, il teatro riprende vita grazie al Sannita teatro festival, che ospita spettacoli di vario interesse. Anche Pietrabbondante presenta un centro storico suggestivo: una passeggiata tra queste viuzze vi consentirà di tornare indietro nel tempo, vi sembrerà di vivere nel medioevo. Ecco la chiesa dedicata a Santa Maria Assunta in Cielo. Visitatela, per scoprire l’arte sacra barocca di un luogo edificato nel diciassettesimo secolo. Vi consiglio Pietrabbondante per una breve sosta ferragostana. Il 15 agosto il borgo festeggia Santa Maria Assunta, con una processione: la santa è portata in spalla esclusivamente da donne. A Pietrabbondante è molto gettonata la “mbaniccia”, un piatto povero della tradizione contadina molisana: una pizza di mais con verdure e carne, cotta sulla brace del camino su foglie di castagno. Per raggiungere il borgo vi consiglio di usare l’auto. Prendete l’autostrada Adriatica A14, uscite al casello di Montenero di Bisaccia/Vasto Sud/San Salvo, immettetevi sulla Statale 650 in direzione di Isernia e infine svoltate in direzione del paese.

Share
Share