F1, trionfo Ferrari in Australia: Vettel batte le Mercedes

Share

Il tedesco vince a Melbourne davanti a Hamilton e Bottas, quarto Raikkonen. La Rossa torna sul gradino più alto del podio dopo un anno e mezzo. 12° Giovinazzi

Si apre nel migliore dei modi la stagione della Ferrari. Sebastian Vettel vince il Gran Premio d’Australia, a Melbourne, fulminando una Mercedes confusa, pasticciona e un pochino presuntuosa. E rovesciando alla grande tutti i pronostici del pre stagione.
LA GARA GIRO PER GIRO
Ma gli evidenti demeriti dei campioni del mondo non devono oscurare nemmeno per un attimo i meriti della Scuderia di Maranello. Anzi, in un certo senso li sottolineano. Perché dietro l’errore clamoroso che ha compromesso la gara di Lewis Hamilton – un inspiegabile pit stop anticipato che ha costretto l’inglese a rientrare alle spalle di Max Verstappen e ha aperto le porte alla marcia trionfale di Vettel – c’è tutta la pressione che la Ferrari è riuscita a creare in questi giorni sul muretto anglo tedesco.
E dire che alla partenza le cose si erano messe nel migliore dei modi, per Hamilton. Lo “sporco” sul lato della pista da cui partivano i due ferraristi aveva avvantaggiato il campione del mondo, che era arrivato alla prima curva con un ampio margine su Vettel. Considerando che le nuove macchine sono più larghe e che hanno un apparato aerodinamico molto più efficiente e che dunque superare su un circuito così era sostanzialmente impossibile, arrivare davanti alla prima curva significava aver vinto mezzo gran premio.
Ma Vettel ha avuto il merito di non mollare un centimetro di asfalto. Si è attaccato ad Hamilton, mostrandosi aggressivo negli specchietti del rivale e, di fatto, inducendo la Mercedes a sbagliare la scelta. Per paura dell’undercut, gli ingegneri del muretto anglo tedesco hanno infatti deciso di anticipare la loro mossa e hanno richiamato Lewis ai box. All’uscita, la sorpresa: la macchina numero 44 era finita dietro alla Red Bull di Max Verstappen, oggi come oggi, il pilota più difficile da superare. La gara di Hamilton è finita esattamente in quel momento. L’inglese ha consumato la parte migliore delle sue “soft” guardando da vicino gli scarichi di Verstappen che era molto più lento di lui e della Ferrari di Vettel, che infatti davanti guadagnava il margine necessario per fare il pit e presentarsi, con tutta sicurezza, proprio davanti a Verstappen.
Alla fine dell’operazione il cavallino di Vettel aveva a disposizione una prateria dove scorrazzare allegramente, mentre Hamilton l’inferno: le gomme con più giri sulle spalle hanno lentamente ceduto regalando a Vettel un margine di tutta tranquillità e, persino, a Bottas l’illusione di poter raggiungere il compagno. La vittoria ferrarista – mancava da Singapore 2015 – è un risultato meritatissimo. Che premia la scelta autarchica di Sergio Marchionne, quella di responsabilizzare le seconde linee di Maranello dopo la “cacciata” di James Alllison. “Abbiamo le intelligenze e il talento per farcela”, aveva detto quest’estate Marchionne spiegando la sua scelta. Ha avuto ragione. Indipendentemente da quello che succederà da Shanghai in poi (è immaginabile un prepotente ritorno della Mercedes, anche in virtù della configurazione del circuito) è innegabile che i miglioramenti ottenuti dai progettisti italiani siano sbalorditivi.
Unico neo della giornata ferrarista, la prestazione di Kimi Raikkonen. Ha preso 22 secondi dal compagno di squadra. Un risultato ingiustificabile. Bene, infine Antonio Giovinazzi (altra scommessa vinta da Marchionne). Una gara intelligente, la sua. Doveva portare a casa la macchina, lo ha fatto alla grande, lasciandosi alle spalle una McLaren.

ORDINE D’ARRIVO
1. Sebastian Vettel (GER/Ferrari) 1h24:11.670 (media: 215,409 km/h)
2. Lewis Hamilton (GBR/Mercedes) a 9.975
3. Valtteri Bottas (FIN/Mercedes) a 11.250
4. Kimi Raikkonen (FIN/Ferrari) a 22.393
5. Max Verstappen (NED/Red Bull-TAG Heuer) a 28.827
6. Felipe Massa (BRA/Williams-Mercedes) a 1:23.386
7. Sergio Pérez (MEX/Force India-Mercedes) a un giro
8. Carlos Sainz Jr (ESP/Toro Rosso-Renault) a un giro
9. Daniil Kvyat (RUS/Toro Rosso-Renault) a un giro
10. Esteban Ocon (FRA/Force India-Mercedes) a un giro
11. Nico Hülkenberg (GER/Renault) a un giro
12. Antonio Giovinazzi (ITA/Sauber-Ferrari) a due giri
13. Stoffel Vandoorne (BEL/McLaren-Honda) a due giri
14. Fernando Alonso (ESP/McLaren-Honda) a sei giri
Giro più veloce: Kimi Raikkonen (FIN/Ferrari) 1:26.538
Ritiri: Romain Grosjean (FRA/Haas) 14° giro; Jolyon Palmer (GBR/Renault) 17° giro; Marcus Ericsson (SWE/Sauber) 22° giro; Daniel Ricciardo (AUS/Red Bull) 27° giro; Lance Stroll (CAN/Williams) 42° giro; Kevin Magnussen (DEN/Haas) 48° giro; Fernando Alonso (ESP/McLaren-Honda) 52° giro

La Repubblica

Share
Share